Cina, divieto di portare telefonini in classe e niente videogiochi per i minori di 8 anni

Venerdì 8 Novembre 2019
Stop all'uso eccessivo (e potenzialmente dannoso) dei telefonini nelle scuole cinesi. La città di Pechino ha emanato ieri un nuovo regolamento per limitare ulteriormente l'uso dei dispositivi elettronici negli istituti di istruzione e incoraggiare un maggiore esercizio fisico tra i giovani. In base alle nuove norme, gli studenti non potranno portare in classe cellulari, tablet o altri dispositivi elettronici, mentre gli insegnanti sono tenuti a limitare il ricorso agli schermi digitali a scopo didattico a non oltre il 30% dell'intera durata delle lezioni. I bambini non potranno essere esposti a schermi elettronici per oltre un'ora al giorno, mentre i minori di 8 anni non potranno accedere ai videogiochi.

Il regolamento richiede anche una riduzione del carico di lavoro per gli iscritti in prima e seconda elementare, stabilendo una durata minima per le attività fisiche e di riposo per gli studenti di qualsiasi ordine e grado prima del college. Inoltre, le autorità chiedono ai genitori di insegnare ai propri figli un uso ragionevole dei dispositivi elettronici e di incoraggiarli a partecipare ad attività all'aperto. Il regolamento è stato pubblicato in collaborazione tra 10 diversi dipartimenti governativi, tra cui la commissione municipale per l'istruzione, la commissione sanitaria municipale e l'ufficio municipale dello sport, nel tentativo di prevenire la miopia tra i giovani. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Nel bagno delle donne il messaggio che gli uomini non scriverebbero mai

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma