Ritrova il portafoglio dopo 53 anni: lo aveva perso in Antartide

Ritrova il portafoglio dopo 53 anni: lo aveva perso in Antartide
di Paolo Travisi
3 Minuti di Lettura
Lunedì 8 Febbraio 2021, 17:14 - Ultimo aggiornamento: 17:15

Non avrebbe mai immaginato che potesse accadere. Ma è successo. Il 91enne Paul Grisham ha ritrovato il suo portafoglio dopo 53 anni. E già questo ha dell'incredibile. Se poi quel portafoglio perso in Antartide, il continente ghiacciato a sud del mondo, viene restituito a San Diego, in California, allora la notizia diventa talmente bella da sembrare un fake. Ma così non è, Paul Grisham, nel 1967 aveva svolto una missione di oltre un anno nella stazione meteorologica della Marina americana in Antartide, durante la quale perde il suo portafoglio.

Terremoto in Antartide di magnitudo 6.9 e mini-tsunami, evacuata base Cile

Un episodio banale, di cui il protagonista, nel corso degli anni si è del tutto dimenticato, fin quando nel 2014 un edificio di quella stessa stazione meteo Ross Island, è stato demolito ed uno degli addetti alla demolizione, ha trovato il portafoglio di Grisham dietro ad un armadietto. Dentro c'era la sua carta d'identità della Marina, la patente di guida, una scheda di riferimento con informazioni su cosa fare in caso di attacco atomico, biologico e chimico, una scheda perforata per le razioni di birra.

Il cimelio risalente all'epoca della Guerra Fredda è finito su una bancarella, acquistato da Stephen Decato, al lavoro per un'agenzia investigativa in Antartide, ma dispiaciuto nel vedere il braccialetto identificativo di un militare in vendita per strada. E così ha inizio la caccia all'uomo.

Il contenuto aveva informazioni sufficienti per tentare di rintracciare Mr Grisham, ma sono trascorsi anni per rintracciare l'ex-tecnico meteorologico, che si arruolò nella marina nel 1948; l'uomo, negli anni Sessanta, fu assegnato all'Operazione Deep Freeze, che supportava scienziati civili, e spedito nel continente ghiacciato. Per riportare il portafolio al 91enne di San Diego, sono servite lettere, scambi di email, messaggi Facebook e lettere scambiate tra investigatori dilettanti.

Finché hanno bussato alla sua porta per riportargli il portafoglio. "Sono rimasto senza parole", ha confessato Grisham al San Diego Union-Tribune "c'era una lunga serie di persone coinvolte che mi hanno rintracciato. Sono senza fiato per gli sforzi di tutte queste persone", ha commentato il 91enne, che non ricordava più nemmeno di avere perduto il portafogli ma si è commosso a rivederne il contenuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA