DONNE

Le «rezdore» romagnole insorgono: anche noi siamo tra le nonne star che fanno la pasta

Venerdì 8 Novembre 2019 di Franca Giansoldati
rezdore emiliane e romagnole

L'Emilia e la Romagna rivendicano la loro parte di notorietà per le nonne che fanno la pasta, le famose "rezdore", come vengono chiamate le massaie in dialetto locale, ormai diventate vere e proprie star internazionali grazie al potere di Youtube, del Sunday Times e di una giornalista che ha girato in lungo e in largo alcune regioni italiane, l'Emilia, le Marche e la Sardegna, alla scoperta di una antichissima tradizione tramandata di generazione in generazione dalle donne. L'arte del mattarello, alla quale persino lo chef stellato Bottura si è inchinato, dedicando anni ad apprendere ogni segreto.

Guida Michelin, ecco i ristoranti italiani con 3 stelle

Sul Corriere di Romagna, sul Resto del Carlino e sulle Gazzette locali le fotografie delle 'redzore' stanno catturando il plauso della gente per avere portato nel mondo il sapere antico della pasta casareccia, antidoto a tanti mali moderni, come la solitudine (visto che la pasta si fa in gruppo) e persino i disordini alimentari (visto che la pasta è genuina e piena di sostanze nutritive, prive di qualsiasi additivo chimico).

Mini a fianco di Massimo Bottura in Food for Soul per l’impegno contro lo spreco alimentare e l’isolamento sociale

In Romagna la leader delle rezdore si chiama Lucia Portolani, ha 94 anni e cucina ancora a mano gli strozzapreti con il sugo di pesce assieme alle sue amiche più giovani, Ofelia di 87 anni, Elisabetta di 84, Marisa di 87. Le nonnine emiliane e romagnole da tempo vengono coinvolte in corsi di cucina proprio per non dimenticare l'arte antica del pastaio, un combinato disposto di armonia tra il tempo necessario (vietato fare le cose di fretta) e l'amore per cucinare per gli altri, e tanto olio di gomito, visto che per tirare la sfoglia a mano sul tagliere ci vogliono anche dei bei muscoli. 

Giorgio Pinchiorri indagato per stalking, l'ex cameriera: «Mi perseguita da anni».

Una delle rezdore più note è morta alcuni anni fa, si chiamava Lidia Cristoni, era una modenese doc che ha insegnato l'arte della pasta fatta col mattarello (più porosa ed elastica) allo chef stellato Massimo Bottura. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA