Una donna su due colpita da cistite, campagna social per prevenirla

Venerdì 24 Maggio 2019
Una donna su 2 colpita da cistite
La cistite è un disturbo molto diffuso ma le donne ne sanno ancora poco. La metà delle italiane ammette di aver sofferto, almeno una volta nella vita, della patologia. Tuttavia il 31% ignora come si può prevenire mentre solo il 61% è consapevole che vi siano cure efficaci in grado di contrastarla. Appena una su tre indica i rapporti sessuali non protetti e l'igiene intima non corretta come cause principali che ne determinano l'insorgenza. E ben il 72% vorrebbe ricevere maggiori informazioni.

È quanto emerge da un sondaggio, realizzato online su oltre 2.000 donne nei giorni scorsi, promosso dall'Associazione italiana di urologia ginecologica e del pavimento pelvico (Aiug), i cui risultati sono stati presentati al XXVIII congresso nazionale della società Scientifica, in corso a Lecce alla presenza di oltre 500 specialisti da tutta Italia. Per aumentare il livello di consapevolezza su un disturbo ampliamente sottovalutato, l'Aiug avvierà nelle prossime settimane una campagna d'informazione sui social media. Gli uro-ginecologi insegneranno alle donne, d'ogni fascia d'età, quali precauzioni prendere per prevenire il disturbo e i rimedi da adottare per evitare complicanze. «La patologia risulta in crescita e presenta numeri importanti», afferma Gian Luca Bracco, presidente dell'Aiug. «Il 30% delle italiane è stata colpita almeno una volta negli ultimi 12 mesi e in un caso su quattro la malattia si è ripresentata più volte nel corso di un anno. Si tratta di un'infezione della vescica di origine batterica che si manifesta attraverso bruciore vescicale, forte dolore e presenza di sangue nelle urine». 
Il disturbo è causa del 25 per cento delle assenze dal lavoro nell'arco di un mese. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche