Bologna, violenta per mesi la moglie del padre: la donna stordita con i farmaci

Venerdì 29 Novembre 2019

È accusato di avere per mesi violentato la moglie del padre, sia servendosi di un farmaco per stordirla che minacciandola di mostrare al genitore immagini compromettenti. Per questa ragione, un giovane di origine magrebina é stato fermato sabato in aeroporto a Bologna mentre - come riportato dai quotidiani locali - stava per tornare nella città dove abita, Lugo di Romagna, nel Ravennate. Il fermo, disposto dai Pm ravennati Alessandro Mancini e Antonio Vincenzo Bartolozzi, é scattato per pericolo di fuga alla luce delle dichiarazioni della donna, ritenute plausibili, su presunti abusi andati avanti dal novembre 2018 al luglio scorso.

Martina giù dal balcone per sfuggire alla violenza: assolti i due stupratori

Dichiarazioni corroborate anche da quanto riferito dal padre del giovane, a partire dalle sue lunghe assenze da casa che avrebbero lasciato campo libero al ragazzo. L'uomo ha anche detto di essere in un'occasione caduto dalle scale per via della somministrazione di un farmaco, forse da parte del figlio, che gli aveva sdoppiato la vista. L'altro ieri il ragazzo davanti al Gip bolognese - che dopo la convalida del fermo ha disposto la custodia in carcere - ha invece sostenuto che inizialmente era stata la donna a ricattarlo per avere rapporti sessuali; e che poi loro due fossero diventati amanti. Tanto che il suo avvocato, Nicola Casadio ieri ha depositato la richiesta in Procura a Ravenna di

Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 09:11 © RIPRODUZIONE RISERVATA