Vuole violentare una giovane fisioterapista, lei si salva con spray al peperoncino

Giovedì 4 Giugno 2020
Aveva preso appuntamento per un massaggio ma le sue intenzioni erano altre. Un ventunenne di Latina è stato arrestato oggi dagli agenti della Questura di Latina, in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip la Rosa e richiesta dal pm  Monsurrò. «Il giovane lo scorso 23 aprile, dopo aver fissato un appuntamento telefonico per una seduta di massaggi e manipolazione, raggiungeva lo studio della professionista in uno stabile di Latina - raccontano dalla questura - Una volta nello studio, dopo aver chiuso la porta con il chiavistello dall’interno, ha aggredito la giovane donna».

Sono stati momenti drammatici. «La ragazza è stata bloccata contro una parete, mentre il ragazzo iniziava a palpeggiarla ovunque, tentando contemporaneamente di baciarla. Il 21enne sovrastandola fisicamente riusciva a renderla inoffensiva, ma la giovane proprio quando stava per soccombere, ha mantenuto i nervi saldi ed è riuscita ad afferrare una bomboletta di spray urticante che teneva su una mensola proprio per eventualità come questa».

Dopo averla più volte nebulizzata contro il viso del ragazzo riusciva a divincolarsi ed a raggiungere il balcone della cucina da cui chiedeva aiuto, urlando a squarciagola. Allertati dalle urla ancuni passanti hanno telefonato al 113. Gli operatori della Sala Operativa della Questura, raccolte le prime informazioni, inviavano immediatamente sul posto una Volante. Nel frattempo l’uomo riusciva a raggiungere l’ingresso dell’appartamento, ad aprire il portone e a fuggire. La donna, ancora scossa da tanta violenza, riusciva  a fornire ai poliziotti elementi utili a individuare l'aggressore.

Le successive attività investigative hanno permesso ai poliziotti dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di ricostruire le varie fasi dell’aggressione e della violenza sessuale, tanto da fornire alla Procura gli elementi necessari per chiedere l'arresto del giovane.  Così, questa mattina per A.M. del 1999, pregiudicato per reati in materia di stupefacenti e contro la persona, ed attualmente sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento ai genitori, sono scattate le manette; accompagnato in Questura per la notifica dell’Ordinanza cautelare, è stato poi associato alla Casa Circondariale di Latina. © RIPRODUZIONE RISERVATA