Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Elezioni a Latina, centrodestra alla ricerca di un candidato «di alto profilo»

Elezioni a Latina, centrodestra alla ricerca di un candidato «di alto profilo»
di Andrea Apruzzese
3 Minuti di Lettura
Sabato 21 Novembre 2020, 09:37

 Il centrodestra annuncia l'unità per le elezioni amministrative 2021 di Latina, ma c'è già qualcuno che protesta per essere stato lasciato fuori dal tavolo a tre (FI, FdI, Lega) svoltosi a Roma. È Cambiamo!, la formazione di centrodestra, il cui comitato promotore provinciale di Latina lamenta di avere appreso solo dalla stampa dello svolgimento del tavolo. «Cambiamo, realtà politica ormai consolidata in terra pontina - scrive il coordinamento - non è stata nemmeno invitata. Una mancanza di cui prendiamo atto ma che testimonia come non sia certamente questa la strada giusta per un centrodestra realmente forte e unito». Secondo i vertici pontini del partito, «per vincere a Latina è necessaria una coalizione ampia, democratica, ma soprattutto partecipata e condivisa. Se ci sarà la volontà di unire, Cambiamo sarà sempre disponibile».

Le parole sono riferite alla nota con cui FI, FdI e Lega hanno annunciato la costituzione e la riunione del tavolo di centrodestra per le elezioni comunali di Latina del 2021 con la partecipazione dei rispettivi coordinatori regionali del Lazio, Claudio Fazzone, Paolo Trancassini e Claudio Durigon. Come primo risultato, è stato stabilito di «lavorare sin da subito per arrivare ad un candidato e ad un programma condiviso, nel più breve tempo possibile; un candidato sindaco che sarà un nome di alto profilo e di esperienza, che saprà rappresentare la città, con personalità, credibilità e capacità politica di rinnovamento». Ma, nell'attesa di individuarlo, i coordinatori comunali e i capigruppo dei tre partiti «lavoreranno insieme mettendo a confronto le bozze dei singoli programmi elettorali elaborati da ciascun partito, individuando i punti comuni ed arrivando ad una sintesi che possa diventare patrimonio dell'intera coalizione». Una figura di rinnovamento, quindi, ma, si precisa negli ambienti di centrodestra, con la necessaria esperienza amministrativa e c'è anche chi non esclude che il nome possa essere pescato tra i consiglieri comunali attualmente in carica. Tutto però dipenderà dagli equilibri regionali: si vota infatti anche a Roma, e la scelta del candidato su Latina non potrà prescindere da quello che sarà indicato per la capitale.

Vedi anche > Il "campo largo" di Coletta, cosa farà il Pd? Risponde Franca Rieti
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA