"Dal Manifesto di Ventotene all'Europa", iniziativa a Latina di Cgil, Cisl e Uil in vista del voto

"Dal Manifesto di Ventotene all'Europa", iniziativa a Latina di Cgil, Cisl e Uil in vista del voto
2 Minuti di Lettura
Sabato 11 Maggio 2019, 11:11

"Dal Manifesto di Ventotene all'Europa", è il tema di un seminario in vista delle elezioni europee organizzato da Cgil, Cisl e Uil. L'appuntamento è lunedì 13 presso il "Circolo cittadino" di Latina, sede scelta al posto dell'isola a causa delle annunciate condizioni avverse del meteo. 

All’evento parteciperanno oltre 200 fra quadri e delegati del sindacato, provenienti da tutta la provincia di Latina, oltre a Franco Martini - presidente dell'assemblea Cgil nazionale, Andrea Cuccello, segretario nazionale Cisl e Pierpaolo Bombardieri, segretario generale aggiunto della Uil nazionale.

«Crediamo che questa giornata che vede insieme tutto il Sindacato Confederale – , dichiarano i segretari generali di Cgil Cisl Uil Latina, Anselmo Briganti, Roberto Cecere e Luigi Garullo  - proprio in una fase così delicata per la coesione dell’Europa stessa, possa divenire anche un momento di coinvolgimento delle istituzioni e di arricchimento di contenuti e valori»

All’iniziativa sono stati invitati anche il Sindaco di Latina Damiano Coletta, oltre ai Sindaci di S. Felice Circeo Giuseppe Schiboni, di Ventotene Gerardo Santomauro e di Ponza Francesco Ferraiuolo, che per altro hanno visto la recente assegnazione ai rispettivi comuni rappresentati, del titolo “Città della cultura della Regione Lazio 2019” con il progetto “Il Mare di circe – Narrazioni e mito”. Saranno inoltre presenti il Presidente della Provincia di Latina Carlo Medici e il Presidente del Consiglio regionale del Lazio Mauro Buschini.

Partendo dal "Manifesto" scritto dagli esiliati dai fascisti Altiero Spinelli, Ernesto Rossi ed Eugenio Colorni nel 1941 i sindacati sottolineano come «gli obiettivi propugnati in quel documento così emblematico rischiano di allontanarsi in un Europa così disarticolata e lacerata che fatica ad affermare i valori della solidarietà e della condivisione». La sfida, allora,  è quella «di costruire una nuova sovranità delle istituzioni europee partendo dal rafforzamento dei poteri reali in economia ed in politica estera in una funzione essenzialmente sussidiaria. 
L’iniziativa di lunedì ci riporta all’attualità del Manifesto  e ci deve spingere a rinnovare l’impegno del sindacato per la costruzione di un Europa davvero unita e politicamente autorevole in grado di affermare la crescita, la solidarietà ed il lavoro». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA