Nada Cella, minacce dell'indagata alla criminologa che ha fatto riaprire il caso. Gli audio: «Paura, eh?»

I contatti via whatsapp nel 2019: audio e scritti all'esame dei magistrati che indagano sull'omicidio

Il giallo di Nada Cella: minacce dell'indagata alla criminologa che ha fatto riaprire il caso. «Paura, eh?»
4 Minuti di Lettura
Martedì 9 Novembre 2021, 20:30 - Ultimo aggiornamento: 11 Novembre, 08:47

Nel giallo della morte di Nada Cella, la segretaria uccisa a Chiavari 25 anni fa, caso insoluto e clamorosamente riaperto di recente con il nome di una donna iscritto sul registro degli indagati, ora irrompono anche le intimidazioni. Un mese di comunicazioni, non solo vocali ma anche scritte. Minacce, non sempre velate, quando ancora il caso della morte della ragazza non era ancora stato riaperto. Per 30 giorni la criminologa Antonella Pesce Delfino, grazie alla cui tenacia la procura di Genova sta forse per trovare una svolta, è stata contatta da Annalucia Cecere, l'ex insegnante indagata adesso per l'omicidio della segretaria avvenuto il 6 maggio 1996.

Nada Cella uccisa in ufficio, un'indagata dopo 25 anni. Il movente della gelosia

Nada Cella, luminol su uno scooter di 25 anni fa: apparteneva all'indagata. Si cercano tracce

Le frasi all'attenzione degli investigatori

Le telefonate e gli audio, che risalgono al luglio 2019, sono ora al vaglio della pm Gabriella Dotto che, insieme al procuratore Francesco Pinto, coordina l'indagine della squadra mobile guidata dal primo dirigente Stefano Signoretti. La criminologa si era presentata in casa della donna fingendosi interessata ai problemi legati al mondo della scuola. Ma quando la conversazione era andata a finire sulla sua vita precedente a Chiavari, Cecere si era irrigidita e da quel momento erano partite le intimidazioni. «Perché sei venuta qua ad assicurarti che io avessi solo un cane. Non ho solo quello, ne ho anche un altro che se ti ripresenti qua ti spappola viva hai capito?». E, ancora: «Senti, non fare la finta tonta eh... hai capito con me... Ora faccio riaprire il caso, stai tranquilla... anzi ho saputo adesso da Chiavari... parlato ora con la polizia di Chiavari che forse è stato già riaperto il caso, sta tranquilla... ti ci trascino per i capelli, eh? Poi ti faccio fare le domandine, indovina indovinello.. quale zo....a è venuta a casa mia?». «Ma dai non fare la finta tonta stronza... ma come facevi a sapere che uscivo con (...) e di tutti i c... miei e con quello bassino con (...) . Come facevi a saperlo? Hai paura, eh? adesso son qua, non ti preoccupare».

Le telefonate anonime alla madre

Intanto la mamma di Nada, Silvana Smaniotto assistita dall'avvocata Sabrina Franzone, ha lanciato un appello. «Ho scoperto recentemente la storia delle telefonate anonime che parlavano di una certa Anna. Non so perché questo aspetto non sia stato approfondito, ma voglio fare un appello a chi fece quelle telefonate, si palesi perché io non voglio un assassino qualunque, voglio il vero assassino».

Sequestrato un motorino, 25 anni fa sulla scena del delitto

Nelle scorse settimane gli investigatori hanno perquisito la casa della Cecere a Boves. Gli inquirenti hanno ritrovato e sequestrato un motorino che la donna aveva usato a Chiavari 25 anni fa e che adesso la scientifica sottoporrà all'esame del luminol. Una testimone, nei giorni successivi al delitto, aveva raccontato di aver visto, proprio la mattina della morte di Nada, la Cecere sotto lo studio di Soracco mentre andava via sul suo motorino. Oltre a Cecere, difesa dall'avvocato Giovanni Roffo, sono indagati il commercialista Marco Soracco e l'anziana madre di questi. I due, difesi dall'avvocato Andrea Vernazza, sono accusati di false dichiarazioni al pm per avere mentito sui reali rapporti tra il professionista e l'ex insegnante. Quest'ultima si sarebbe invaghita - all'epoca - del commercialista. Il movente sarebbe passionale. A fare riaprire il caso è stata la determinazione della criminologa che ha riletto gli atti della vecchia indagine scoprendo particolari sottovalutati ed errori macroscopici nelle indagini iniziali. Tra gli elementi non presi inizialmente in considerazione anche alcuni bottoni trovati all'epoca in casa dell'indagata uguali a uno trovato sotto il corpo della segretaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA