Locri, accoltella 14 volte la convivente, diciottenne arrestato: si era nascosto nel sottotetto

Martedì 7 Gennaio 2020
2
Locri, la casa della tragedia

L'ha colpita con violenza 14 volte, in preda ad una rabbia cieca che ancora non ha spiegato. Solo per un caso fortuito una 27enne di origini cubane è scampata alla morte a Locri per mano di quello che doveva essere il suo amore a conclusione del loro primo giorno di convivenza. La ragazza è ricoverata in gravi condizioni nel reparto di rianimazione degli Ospedali Riuniti di Reggio Calabria, ma non è in pericolo di vita nonostante le tante ferite riportate. A colpirla un ragazzo appena 18enne, Giancarlo Martelli, che è stato arrestato poche ore dopo il fatto. 

Locri, la ragazza accoltellata era un'estetista

Un giovane già noto alle forze dell'ordine. «Nessuno contatto con la criminalità organizzata è stato finora riscontrato ma le indagini sono agli inizi e ogni particolare sarà verificato» hanno spiegato gli investigatori. Teatro del tentativo di ennesimo femminicidio, una palazzina come tante altre, in via Foggia, quartiere popolare di Locri. Martelli e la ragazza, che da alcuni mesi aveva trovato lavoro come estetista in un comune della zona, avevano deciso di andare a vivere insieme dopo l'inizio della loro relazione non molto tempo fa. Ieri, hanno ricostruito i carabinieri della Compagnia di Locri, si sono trasferiti in un appartamento all'ultimo piano della palazzina insieme alla madre di lei. Cosa abbia fatto scattare la violenza da parte di Martelli non è stato ancora chiarito. 

«Sono stanco, vado in coma farmacologico». Il drammatico post del calciatore malato di cancro
Ikea risarcisce con 46 milioni la famiglia del bimbo morto schiacciato dalla cassettiera
 


Di certo c'è solo che la ragazza deve la sua vita alla madre. «È stato possibile salvarla - ha spiegato il colonnello Giuseppe Battaglia, comandante provinciale dei carabinieri - per l'allarme immediato lanciato dalla madre che ha permesso così il primo ricovero nell'ospedale di Locri». I militari, giunti sul posto, hanno trovato la ragazza riversa sul pianerottolo antistante l'appartamento con numerose ferite da arma da taglio - almeno 14 - in parti anche vitali quali la giugulare, l'emitorace e l'addome. Immediatamente è giunta un'ambulanza del 118 che ha portato la giovane prima nell'ospedale di Locri e poi, per la gravità delle ferite, in quello di Reggio Calabria.

Milano, disabile annega in piscina e muore a 32 anni: stava facendo un corso di nuoto

La scena è stata subito esaminata dai carabinieri della Sezione investigazione scientifica del Comando provinciale di Reggio Calabria. Nel frattempo, i carabinieri della Compagnia di Locri, coordinati dalla Procura, hanno ricostruito le ultime ore della vittima e si sono messi alla ricerca del 18enne. Sono bastate poche ore ai militari per rintracciare il giovane. Non era neanche uscito dall'edificio, cercando rifugio in una intercapedine del sottotetto della palazzina. Indosso aveva ancora gli abiti sporchi del sangue della sua compagna.

Roma, 15enne si lancia sui binari della metro A: travolta e uccisa a Ponte Lungo

Ultimo aggiornamento: 18:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani