Pastore indiano costretto a dormire senza acqua o luce: arrestato titolare di una masseria

Mercoledì 4 Settembre 2019
4
Pastore indiano costretto a dormire senza acqua o luce. Uomo arrestato a Taranto

Viveva in un tugurio senza acqua nè luce, pagato soli 20 euro al giorno per prendersi cura di circa 200 ovini. Queste le condizioni in cui era costretto a lavorare un pastore indiano di 32 anni a Mottola, in provincia di Taranto, sfruttato dal titolare di una masseria nelle campagne pugliesi che approffittava della sua condizione di migrante irregolare, facendolo lavorare 12 ore al giorno senza alcun contratto regolare.

LEGGI ANCHE Migranti denunciano caporali sfruttatori, la questura: 14 permessi di soggiorno speciali

Questa la scoperta dei carabinieri di Taranto che hanno arrestato l'uomo con l'accusa di intermediazione illecita e sfruttamento irregolare, oltre ad averlo sanzionato con una multa di 65 mila euro per più violazioni del Testo Unico in materia di salute e sicurezza sul lavoro, in particolare per mancata consegna dei dispositivi di protezione individuale, formazione, addestramento e per assenza di sorveglianza sanitaria. L'uomo si trova adesso agli arresti domiciliari, mentre è stato sequestrato per proseguire con le ispezioni il fatiscente manufatto agricolo adiacente all'ovile dove il pastore era costretto a stare. 

Ultimo aggiornamento: 13:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma