Covid Palermo, il sindaco Orlando lancia l'allarme ospedali: «Si va verso strage annunciata». Ma il commissario lo sconfessa

Covid Palermo, il sindaco Orlando lancia l'allarme ospedali: «Si va verso strage annunciata»
2 Minuti di Lettura
Domenica 8 Novembre 2020, 17:58 - Ultimo aggiornamento: 18:23

«Se è vero quanto denunciato oggi dai media, circa la mancanza di strumenti fondamentali per la cura dei malati e circa la saturazione dei posti letto, rischiamo che a Palermo e in tutta la Sicilia si vada verso una strage annunciata». Lo scrive il sindaco del capoluogo siciliano Leoluca Orlando in una lettera al presidente del consiglio Giuseppe Conte e al presidente della Regione Nello Musumeci. «Se è vero che nei Pronto soccorso manca l'ossigeno e che nei reparti ospedalieri si è cominciato a scegliere 'quali pazienti provare a salvare e quali nò, si prefigurano scenari da 'medicina di guerrà che, quali che ne siano i risultati e per quanto possa essere mastodontico l'impegno degli operatori medici e sanitari, porterà comunque una lunga lista di lutti e tragedie umane e sociali».

Covid, il bollettino di oggi 8 novembre 2020: 32.616 contagi e 331 morti

Intanto è stato diffuso un video (qui sotto) dell'Unità operativa di medicina interna dell'ospedale Civico di Palermo trasformato in reparto Covid. Il video mostra come si svolgono le attività nel reparto il cui primario: medici e infermieri - cinque per turno su ciascuno dei due piani - effettuano le visite ai pazienti ricoverati. Le cartelle mediche, però, non possono essere subito archiviate, perché "contaminate". Vengono quindi scannerizzate e trasmesse alla parte del reparto che non ospita pazienti contagiati.

Il commissario contro Orlando

«Sono meravigliato dalle dichiarazioni del sindaco Orlando, false e fuorvianti, che evidentemente viene informato male. Come lui sa, visto che partecipa quotidianamente agli incontri con me, con il prefetto e con l'Asp, la situazione dei posti letto a Palermo è impegnativa ma la affrontiamo in modo adeguato, tanto è vero che ancora oggi viene mantenuta la regolare erogazione di servizi sanitari ai pazienti non Covid. Altrettanta destituita di fondamento è la notizia che a Palermo mancherebbe l'ossigeno, regolarmente a disposizione di tutti i reparti ospedalieri, di tutte le ambulanze e dei pazienti domiciliari», la replica del commissario per l'emergenza Covid a Palermo Renato Costa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA