CORONAVIRUS

Covid-19, in Toscana mascherine distribuite gratis a domicilio. Rossi: «Scatta l'obbligo di indossarle»

Lunedì 6 Aprile 2020
Covid-19, in Toscana mascherine distribuite gratis a domicilio. Rossi: «Camion già partiti, per iniziare due a testa»

Mascherine anti Covid-19 a domicilio per i cittadini della Toscana. Lo ha annunciato il governatore della Regione Enrico Rossi, confermando che sono già partiti alla volta dei vari comuni i camion carichi dei dispositivi sanitari per la protezione dal CoronavirusIeri sono stati 175 i nuovi casi positivi al coronavirus registrati in Toscana e 18 i nuovi decessi. Sceso di 28 unità il numero dei ricoveri complessivi; nelle terapie intensive si registra una diminuzione di 10 unità.

LEGGI ANCHE Coronavirus, mascherine: per le regioni arriva l'obbligo. Sala: «Disorientati da indicazioni opposte»

Il presidente della Regione Toscana Enrico Rossi ha poi firmato l'ordinanza che rende obbligatorio l'uso della mascherina fuori casa appena i Comuni avranno ultimato la distribuzione di 8 milioni e mezzo di questi dispositivi di protezione alla cittadinanza. «Abbiamo dato un tempo massimo di 7 giorni per la distribuzione - ha spiegato il governatore toscano in un videomessaggio - Naturalmente speriamo che tutto questo possa avvenire il prima possibile».

«Sono già partiti i camion per la distribuzione ai Comuni» toscani delle mascherine da consegnare ai cittadini, ha detto Rossi a Radio Popolare. «Ho chiesto ai sindaci - ha ricordato - che vengano distribuite porta a porta per evitare assembramenti altrimenti si rischia di far peggio. Sono circa 2-3 mascherine a testa: non sono certo sufficienti ma sono un primo segnale a cui ne vogliamo far seguire altri».

Rossi ha sottolineato che questa «è una misura precauzionale» per arginare il contagio da Coronavirus, «e in quanto tale ritengo sia giusto che sia a carico del servizio sanitario regionale». Dopo i primi 10 mln, «di mascherine ne abbiamo acquistate, ne abbiamo ordinate altri 20 milioni, e vogliamo continuare a distribuirle.

Ci sono molti produttori in Toscana che le fanno. Quest'iniziativa di distribuzione di massa è legata al fatto che ci sono fenomeni speculativi particolarmente odiosi, mascherine che hanno raggiunto cifre stratosferiche... è un'iniziativa che continueremo, non è uno spot», ha concluso. 
 

Ultimo aggiornamento: 17:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani