Caserta, titolare del maneggio abusava delle allieve: 14enne chiama il Telefono Azzurro e lo incastra

Lunedì 30 Settembre 2019

Abusava delle allieve minorenni che frequentavano il suo centro ippico, credendo di poterla fare franca vista la ritrosia delle vittime, dovuta ad un misto di paura e vergogna, a denunciare le molestie. È così che per anni il titolare di un maneggio del Casertano - finito agli arresti domiciliari su ordine del gip del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere - avrebbe compiuto, senza essere scoperto, abusi su almeno sette sue allieve adolescenti, di età compresa tra i sei e i 14 anni. L'imprenditore, che è anche istruttore di equitazione, è stato arrestato dalla Polizia di Stato nell'ambito dell'indagine coordinata dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, che ha contestato il reato di violenza sessuale pluriaggravata e continuata. Ad alzare il velo su una situazione che nessuno poteva immaginare, sia tra i genitori delle bimbe che tra gli altri dipendenti del maneggio, è stata una delle piccole vittime, di 14 anni, che qualche mese fa ha contattato il «Telefono azzurro» invocando aiuto, e raccontando degli abusi e delle molestie subite da quando frequentava il maneggio.

Stuprato dal prete nel confessionale a 9 anni, risarcito con un milione di dollari
Bimba costretta dai genitori a prostituirsi salvata dalla polizia. E lei scrive un messaggio: «Scusa mamma»
Milano, ragazza di 17 anni trovata svenuta in strada: ipotizza violenza sessuale

Le indagini sono state delegate dalla Procura, in particolare dai pubblici ministeri del pool «fasce deboli», alla Squadra Mobile di Caserta guidata da Davide Corazzini, che ha scoperto che anche altre sei ragazze sarebbero rimaste vittime, nel tempo, delle molestie del loro istruttore. Gli inquirenti hanno convocato le vittime, che hanno confermato con dovizia particolare gli abusi subiti; sotto choc le minori, molto arrabbiati i genitori, che credevano di aver affidato le proprie figlie ad una persone seria e competente. Nessun altro addetto della struttura è risultato complice o quanto meno acquiescente con l'istruttore, anche perchè le condotte incriminate sarebbero avvenute nei momenti in cui l'uomo si isolava con le varie ragazzine, per esempio quando andava a dar da mangiare ai cavalli. In un caso, è emerso, l'istruttore avrebbe bloccato le braccia di una delle sue allieve, strofinandosi contro di lei, per poi dirle, con parole intrise di minaccia e senso di impunità: «non ti permettere di parlare, tanto nessuno ti crederà». Alla fine però una delle giovanissime vittime ha parlato facendolo arrestare.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma