Luiss e Avio insieme per il rugby

Mercoledì 26 Febbraio 2020
Gioco di squadra e coraggio, etica e rispetto per l’altro: valori preziosi in campo così come in un contesto lavorativo. Oggi, di fronte a una platea di giovani atleti, l’Associazione Sportiva Luiss ha presentato il Team di Rugby insieme al suo nuovo Official Partner e Main Sponsor, Avio, azienda leader nel campo della propulsione aerospaziale.  Sono intervenuti, per l’occasione, il Presidente AS Luiss Luigi Abete, il Direttore Generale Luiss Giovanni Lo Storto, il Direttore delle Risorse Umane Avio Stefano Bottaro, il Senior Vice President Avio Giorgio Novello, il Direttore AS Luiss Paolo Del Bene e il coach rugby AS Luiss Giampietro Granatelli. Presente anche la Vicepresidente Luiss Paola Severino.
 
In prima fila, anche Rufo Iannelli, fondatore della squadra di rugby in carrozzina “Romanes”, e alcuni Luiss Top Athletes, tra cui Giorgio Avola, schermidore della Nazionale Italiana, e Donato Telesca, campione mondiale di Pesistica Paralimpica, che hanno posto l’accento sulla necessità di superare i propri limiti, tanto sul campo quanto nella vita.
 
La Sezione Rugby dell’As Luiss ha scelto una delle eccellenze italiane nel settore aerospaziale, già quotata in Borsa, condividendo i valori centrali che caratterizzano il modello formativo dell’Ateneo, improntato, nello sport come nello studio, al lavoro di squadra, al rispetto dell’avversario e della sua diversità, principi portanti che generano valore anche in un ambiente lavorativo di successo.
 
Avio si aggiunge così a una squadra di partner di prestigio quali: Auriga, Banca Nazionale del Lavoro (BNL), Gatorade, Intesa Sanpaolo, NaturaSì, UnipolSai e Volvo. Sport, ma non solo: durante la conferenza di presentazione sono state analizzate tematiche delicate ma molto sentite, quali il ruolo che deve ricoprire la pratica sportiva nella sensibilizzazione verso il rispetto dell’ambiente e la disabilità nello sport e nel mondo del lavoro.
 
Il Presidente AS Luiss Luigi Abete ha dichiarato: “Il nostro scopo è quello di facilitare la pratica dell’attività sportiva agli studenti del nostro Ateneo perché siamo convinti che possa rappresentare un valore aggiunto e necessario per affrontare sia l’esperienza universitaria sia il mondo del lavoro di domani. In particolar modo il Rugby richiama al rispetto delle regole, al gioco di squadra e alla gestione dello stress che, ad oggi, sono parte delle qualità richieste anche in contesti aziendali. Perciò ritengo che la nuova partnership con Avio, azienda leader nel suo campo, possa contribuire a diffondere i valori citati attraverso lo svolgimento dell’attività sportiva, coinvolgendo così non solo gli studenti-atleti del Team di Rugby e degli altri Teams AS Luiss ma anche tutti coloro che studiano alla Luiss”.
 
Per Stefano Bottaro, Human Resources Director di Avio: “La risorsa più preziosa di un’azienda sono le persone che vi lavorano: da qui il costante impegno di Avio a favorirne il percorso professionale e personale. Da sempre le nostre attività di Ricerca e Sviluppo sono fortemente legate al mondo universitario. Iniziare questa collaborazione con l’Università Luiss è l’ennesima riprova della nostra volontà ad aprire le porte dell’azienda ad una fascia giovane e attiva come quella degli studenti universitari.”
 
Il Direttore Relazioni Istituzionali di Avio Giorgio Novello ha aggiunto: “Lo sport è un grande strumento di crescita, individuale e di gruppo: sostenere lo sport significa quindi per Avio investire nel proprio futuro di gruppo leader internazionale nel proprio settore. Questo vale anche, e forse ancora di più, per le persone diversamente abili: lo sport è un formidabile moltiplicatore di quelle loro caratteristiche e qualità delle quali tanto spesso Avio e le aziende in generale beneficiano in modo particolare. Come azienda, siamo felici di condividere i valori dell’AS Luiss”.
 
Il Direttore Generale Luiss Giovanni Lo Storto ha concluso: “La nuova collaborazione tra la nostra Associazione Sportiva e Avio, esempio di industria che guarda al futuro e al superamento dei limiti, rafforza, all’interno del nostro modello formativo, la centralità dello sport come vettore di crescita allargata per i nostri studenti, atleti oggi e ceti dirigenti domani, allenandoli alla fatica, alla diversità e al rispetto per gli altri per diventare persone in grado di generare valore”. Ultimo aggiornamento: 21:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani