Genitori staccano il wifi perché non smette di giocare ai videogame, lui li avvelena con il pesticida

Martedì 18 Giugno 2019 di Federica Macagnone
2
Genitori staccano il wifi perché non si stacca dai videogiochi, lui tenta di avvelenarli con il pesticida

Quel videogioco era diventata la sua droga. Non riusciva a vivere senza e diventata rabbioso ogni qualvolta qualcuno gli diceva che trascorreva troppe ore con gli occhi incollati al suo cellulare. Una rabbia che è esplosa qualche sera fa quando il patrigno ha staccato la connessione wi-fi, interrompendo la sua partita. Un comportamento che lo ha mandato su tutte le furie fino a fargli mettere in atto un piano di morte che, solo per un soffio, non è riuscito: ha avvelenato l’acqua del pozzo di famiglia per sterminarla e poter continuare a vivere nella sua dipendenza.

Netflix debutta nei giochi free da cellulare con la versione "Stranger thinghs"


È successo a Sisaket, in Thailandia, dove Sak Duanjan, 29 anni, è tornato a casa ubriaco e ha iniziato a giocare a volume alto sul suo smartphone mentre i genitori stavano cercando di dormire. Esasperato il patrigno Chakri Khamruang, 52 anni, si è alzato dal letto e ha spento il wi-fi nella speranza di riuscire a dormire. Non sapeva che quel gesto avrebbe scatenato la furia del figlio. Per calmarlo e farlo ragionare Chakri è stato costretto a difendersi, picchiandolo. Sak, a quel punto, ha finto di andare a letto, ma in realtà è sceso in strada e ha avvelenato il pozzo con del pesticida.


 
Le sue strane manovre, però, non sono passate inosservate: è stata la madre ad accorgersi che il ragazzo stava calando qualcosa nel pozzo, ma quando ha provato a chiedergli spiegazioni, lui le ha voltato le spalle ed è andato a letto. La conferma è arrivata il mattino seguente quando la donna è andata a prendere l'acqua per cucinare il riso. «Ancora non credo che possa averlo fatto. So che si arrabbia molto facilmente. Abbiamo fatto del nostro meglio per affrontare la sua rabbia, ma questa volta è diventato troppo». 
 
La famiglia, in preda alla disperazione, ha deciso di chiamare le autorità locali in cerca di aiuto per arginare il comportamento violento del figlio. Duanjan ha ammesso di aver messo del veleno nella riserva idrica della famiglia perché era arrabbiato con il patrigno che gli aveva impedito di giocare sullo smartphone. «Volevamo che gli ufficiali lo prelevassero affinché venisse portato in ospedale per essere sottoposto a cure per gestire la rabbia. Non vogliamo vivere nella paura chiedendoci quando ci attaccherà di nuovo. È difficile fermarlo, ormai è un adulto. Solo i medici possono aiutarci». 

Ultimo aggiornamento: 19 Giugno, 09:12 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma