MATTEO SALVINI

Made in Italy, Salvini presenta legge per togliere il marchio a chi produce all'estero

Giovedì 14 Marzo 2019
13
Made in Italy, Salvini presenta legge per togliere il marchio a chi produce all'estero

Giù le mani dalle aziende italiane e dai marchi storici che, inseriti in un albo ad hoc, devono continuare a essere prodotti in Italia. Quindi, basta delocalizzazioni selvagge. Il sovranismo più volte evocato dalla Lega approda in fabbrica e diventa la nuova battaglia di Matteo Salvini. È lui a presentare alla stampa il disegno di legge della Lega sulla tutela del Made in Italy, depositato il 26 febbraio a Montecitorio. La proposta, figlia del caso Pernigotti - come si legge nella sintesi del provvedimento, primo firmatario il capogruppo leghista Riccardo Molinari -, sconfina nel campo dell'altro vicepremier e alleato di governo Luigi Di Maio e lo anticipa.

Giulia Sarti, nessun video hard nuovo: carcere per il revenge porn sul web, via al ddl
 


A novembre era stato il ministro dello Sviluppo economico ad annunciare una proposta di legge per legare i marchi nazionali al territorio. «Entro la fine dell'anno», aveva detto dopo un tavolo sulla storica azienda di gianduiotti. Alla Camera c'è già una proposta di legge, targata 5S, sul contrasto alla contraffazione, come ricorda la deputata Maria Laura Paxia. In mattinata, nella sala stampa della Camera va in scena l'anticipo di Salvini. «Vogliamo difendere con le unghie e con i denti e con leggi di buon senso le aziende italiane e i marchi storici», spiega.

E fa un esempio: «Vuoi fare il cioccolato in Turchia? Allora metti "made in Turchia" sui tuoi prodotti». Idem, al contrario: «Se vuoi aprire, con il nome della Pernigotti o della Borsalino, aziende in Russia o Cina, devi mantenere la produzione in Italia per conservare il marchio storico». Poi indica i tempi: «Questa sarà una grande battaglia che faremo dopo il 26 maggio». Quasi in contemporanea da Matera Di Maio sposa di fatto la battaglia: «L'unica colonizzazione a cui dobbiamo ambire è quella del made in Italy nel mondo, che deve colonizzare con la sua bellezza e la sua capacità».

Sei gli articoli della proposta di legge. Primo obiettivo, definire i marchi storici (quelli di un'impresa italiana di eccellenza «storicamente collegata a uno specifico luogo di produzione» registrato da più di 50 anni«). La 'gestionè spetterà al ministero di Di Maio che terrà un elenco dei marchi. Inoltre, non possono usarli, i compratori che rilevano un'azienda e spostano l'attività nello stabilimento principale. »La proposta di legge non è contro il libero mercato - conclude Salvini - se uno vuole investire in Italia, è benvenuto. Ma se vuoi usare quel marchio italiano, allora produci in Italia«.

Ultimo aggiornamento: 15 Marzo, 10:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La maledizione del marchio dopo il flop di Rome & You

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma