Gabriel Garko a Domenica In: «Ho la fede al dito, potrei essermi sposato...». Poi le lacrime

Domenica 9 Dicembre 2018 di Emiliana Costa
Gabriel Garko a Domenica In: «Ho la fede al dito, potrei essermi sposato...». Poi le lacrime

«Se sono single? Potrei essermi sposato...». Parola di Gabriel Garko, l'attore torinese che oggi si è raccontato a cuore aperto a Domenica In. E alla conduttrice Mara Venier ha mostrato una fede al dito. Garko, come riportato da Leggo, aveva detto di essere stufo di dover smentire la sua omosessualità. E alla domanda di Mara Venier, «se è il momento giusto per avere un figlio», Garko non avrebbe escluso la possibilità: «Un piccolo Garkino...».

Ilary Blasi lascia il Grande Fratello Vip? L'agenzia della conduttrice svela la verità

Poi l'attore ha parlato del suo rapporto con i social. «Amo tanto il mio lavoro, quanto il rispetto della mia privacy - ha detto -. Ci sono cascato anch'io con i social, ho dato troppo. Bisogna mantenere degli equilibri. Non mi possono giudicare sulla vita personale. La gente dovrebbe guardarsi di più allo specchio. Gli attacchi vengono fatti da persone ferite che non ce l'hanno fatta e sputano veleno addosso agli altri. Siamo arrivati in un periodo in cui manca il rispetto per gli altri. Non c'è più empatia. Ho 46 anni, faccio questo lavoro da 30, di batoste ne ho ricevute. A volte ho pianto. Mi fa male il tradimento dalle persone che credi amiche».

Gabriel Garko: «Sono stanco di smentire la mia omosessualità»

Gabriel ha anche ripercorso il trauma vissuto 9 giorni prima del suo Sanremo, quando a causa di una fuga di gas crollò la palazzina che lo ospitava e una donna perse la vita. «Per fortuna mi hanno messo a fianco uno psicologo che mi ha aiutato a superare il trauma. Mi sono svegliato la mattina ed ero sotto le macerie e in mezzo alle fiamme. Sono riuscito a uscire da solo. Per un periodo non riuscivo a stare al buio e a passare sotto le porte». 

Gabriel Garko si è poi commosso in diretta, ricordando il suo cane alano che non c'è più. «È stato il mio compagno di vita per 7 anni. Chi è cresciuto con gli animali - ha concluso - è una persona migliore. Ti responsabilizzano. Ho avuto il mio primo cane a 4 anni».

Ultimo aggiornamento: 28 Dicembre, 11:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Lozzi e il derby dei Casamonica, da Virginia solo una passerella

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma