Progetto al palo e degrado, la beffa
dei Piloni: la società vuole 400mila
euro per rescindere il contratto»

Venerdì 11 Gennaio 2019 di Gianpolo Russo
Project Piloni di Frosinone: i privati chiedono quasi 400mila euro di danni per la mancata realizzazione dell’opera, ma il Comune prende tempo. Un conto salato quello presentato dalla Piloni srl che, a distanza di quasi 20 anni da quando fu ideata e pensata la riqualificazione delle storiche arcate di via De Gasperi, nella riunione di ieri, nella sede dell’ex Mtc, ha fornito le spiegazioni del danno ricevuto. «La società – riferisce l’assessore ai Lavori pubblici, Fabio Tagliaferri - ha presentato la lista degli interventi e delle spese eseguite. Ora le strutture tecnica e legale del Comune esamineranno tali richieste e verificheremo se ci sono i margini per raggiungere una transazione e un accordo. La prossima riunione è fissata per venerdì 23». Una riunione intermedia, quindi, in attesa di conoscere la controproposta dell’amministrazione. E’ probabile che per evitare un contenzioso legale anche i privati debbano abbassare le richieste, ma comunque vada per le casse comunali sarà un forte esborso economico.
Intanto il degrado e l’abbandono di quella che per anni è stata considerata la cartolina del capoluogo restano a deturpare quell’angolo del centro storico a due passi dalla centralissima piazza VI Dicembre, sede delle principali istituzioni cittadine. Una situazione che dura da quasi 20 anni e che rischia di avere ripercussioni pesanti anche di natura economica. Ultimo aggiornamento: 15:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

A Roma l'invasione dei tik tokers: ecco chi sono i nuovi idoli degli under 18

di Veronica Cursi