Giuseppe Battiston: «Il mio Churchill, una figura che dovrebbe far impallidire i politici di oggi»

Una scenografia scarna, con una poltrona, pochi altri oggetti e delle luci che ricordano il mondo dello spettacolo: in questo ambiente si muove Giuseppe Battiston, in scena al Teatro Franco Parenti di Milano fino al 19 gennaio con “Winston vs Churchill”, pièce tratta dal testo di Carlo Gabardini con la regia di Paola Rota. L’attore veste i panni dello statista inglese colto nel suo privato, tra forte carisma, grandi ricordi e senso dell’umorismo.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Che cosa fa litigare i negozianti e i padroni dei cani

di Pietro Piovani