Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Prof alla studentessa: «Stai sulla Salaria?». Al liceo Righi di Roma scatta la protesta in gonna e pancia scoperta

foto

Una maglietta corta e delle parole di troppo. È rivolta nel noto liceo scientifico Righi di Roma per una frase rivolta da una professoressa ad una alunna 'colta' mentre faceva in classe un video su TikTok, la piattaforma usata dai giovanissimi per caricare mini filmati. 'Stai sulla Salaria?', avrebbe azzardato la docente dopo avere visto il set improvvisato in aula e la maglietta della ragazza che -a suo giudizio- scopriva più del consentito in ambito scolastico. Parole pesanti anche perchè il riferimento toponomastico è a una strada nota a Roma per la prostituzione. 

Oggi centinaia di studenti del liceo hanno saltato la prima ora di lezione per protestare contro «gli insulti» della docente. «Righi zona fucsia», «Benvenut* nel Medioevo» era scritto su due striscioni a sostegno della sedicenne, esposto all'ingresso. Affianco un popolo di ragazzi in gonna, pantaloncini corti, calzini fluo e crocs; e ragazze a pance rigorosamente scoperte, calze a rete, minigonne... tutti uniti nell'infrangere il 'dress codè e riaffermare che «il sessismo non può avere spazio nelle scuole». «Noi del collettivo ludus e del liceo Righi abbiamo deciso di dare un segnale forte e chiaro per ribadire questo concetto», commenta uno studente del Collettivo. Mentre l'assemblea straordinaria in solidarietà alla ragazza offesa dalla prof per la pancia scoperta, prosegue anche in seconda ora tra musica e slogan gridati in altoparlante, davanti all'ingresso del liceo per un gruppo più ridotto di manifestanti.

(Foto Paolo Caprioli/Ag.Toiati)