Ostia, al mare ma senza assalto. Controlli in spiaggia e postazioni vuote

Di Mirko Polisano
Ostia, al mare ma senza assalto. Controlli in spiaggia e postazioni vuote
Due giugno quasi da dimenticare per le spiagge di Ostia. La giornata della festa della Repubblica che, per eccellenza, segna l'inizio dell'estate sul lungomare è stata caratterizzata dalla poca affluenza di bagnanti. Complice il tempo incerto (mattinata ventosa) e i disservizi continui del sito web del Campidoglio, i cui dati continuano a non essere puntuali e precisi, pochi hanno scelto il mare di Roma. Sulle spiagge libere - qualcuna del centro più popolata - tante le piazzole sistemate per il distanziamento sociale ancora vuote
Controlli a tappeto della polizia locale sulle principali strade e davanti agli accessi secondari degli arenili liberi per evitare assembramenti sulla sabbia. Ipotesi però scongiurata dai bassi numeri ch si sono registrati oggi.
Flop di presenze anche a Castel Porziano e Capocotta. Romani scoraggiati probabilmente dall'incognita parcheggi.
Raid vandalico, infine, sulle spiagge di Ponente. Ignoti nella notte hanno danneggiato i bagni chimici sistemati dall'amministrazione del X Municipio. Unico servizio a disposizione dei bagnanti di quel tratto di costa, visto che non ci sono ancora le  passerelle per i disabili - che non possono accedere al mare - e le docce non sono in funzione.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani