Il falchetto cade ferito da un cacciatore: salvato e curato

Un piccolo falco di pochi mesi è stato soccorso e salvato all'interno del deposito giudiziario e di pronto intervento nella zona rurale di Cecchina, ad Albano, in via dei Meli. Claudio Zompatore, uno degli operatori del deposito giudiziario ha notato nel pomeriggio intorno alle 16 il falchetto ferito da alcuni colpi di fucile sull'ala destra. Lo ha subito raccolto e messo al sicuro e al caldo dentro gli uffici e ha chiamato le guardie zoofile volontarie di zona, dell'associazione Ekoclub.

Il falchetto pellegrino che è stato chiamato Cloud, dal nome del suo soccorritore Claudio, è stato preso in carico dalla Forestale del comando di Velletri per essere portato a un centro rapaci di Roma. Dopo le cure sarà liberato nei cieli del parco regionale dei Castelli Romani, nella zona dei Pratoni del Vivaro, come già avvenuto nei mesi scorsi per due allocchi e un altro falco pellegrino trovati feriti e denutriti dalle guardie zoofile e dai guardiaparco dei Castelli Romani a Castelgandolfo ed Ariccia. «In questi altri tre casi gli uccelli erano caduti in seguito a ferimento dovuto probabilmente a scontri con altri rapaci o per via di qualche malattia che li aveva debilitati e resi deboli», ha detto Paolo Mammarella, coordinatore delle guardie zoofile Ekoclub Colli Albani.

Foto Luciano Sciurba

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani