SMART WORKING

Zucchetti. In emergenza, lo smart working che funziona

Venerdì 6 Marzo 2020
Covid-19 e smart working. Per Zucchetti la tutela del collaboratore è al primo posto: misure precauzionali preventive rapidissime che sfruttano la tecnologia per gestire l’emergenza e andare oltre

Continua l’allerta per il coronavirus, moltissime le misure adottate dalle Pubbliche Amministrazioni e dai privati per contribuire al contenimento dei contagi. Zucchetti, prima software house italiana con numerose sedi site proprio nella provincia di Lodi, ha adottato misure di sicurezza per tutelare i propri collaboratori non appena la minaccia del virus si è materializzata sul territorio nazionale.

La salvaguardia del benessere fisico e psicologico del dipendente è da sempre al centro della filosofia del gruppo ed è naturale quindi che in una situazione di allerta e incertezza come quella attuale, la priorità di Zucchetti sia stata quella di mettere al sicuro i propri collaboratori dando loro la possibilità di lavorare da casa.

Quello che Zucchetti ha definito “Kit Digital Workplace e Smart Working” infatti, è una guida che fornisce gli strumenti fondamentali per attuare forme di lavoro agile garantendo ai collaboratori performance elevate e ai datori di lavoro il pieno controllo di tutte le attività legate alla Gestione del Personale: gli applicativi Zucchetti, intesi come un vero e proprio ecosistema digitale, consentono infatti perfetta integrazione tra tutte le soluzioni, anche da remoto, e al contempo assicurano che gli attori coinvolti possano sentirsi sempre in collegamento, come se si trovassero fisicamente in ufficio.

Le potenzialità delle soluzioni Zucchetti per realizzare un Digital Workplace ed adottare in modo efficace lo smart working sono moltissime, questo è il motivo per il quale il nostro team Consulting si è attivato per individuare e illustrare come sfruttare al meglio tutti i potenziali strumenti Zucchetti in chiave smart working; un ulteriore ragione per la quale anche i nostri clienti hanno riconosciuto in noi, specie in questo momento di emergenza, un partner ideale per la gestione del proprio personale.

Nel giro di 48 ore sono stati acquistati 400 pc portatili e attivate circa 1200 VPN (Rete Virtuale Privata) per permettere a chiunque lo desiderasse (è cioè il 98% dei collaboratori delle province di Lodi e Padova) e anche a chi si trovasse costretto entro i confini della zona rossa, di proseguire la propria attività lavorativa attraverso la modalità dello smart working.

Come comunicato dallo stesso gruppo, il risultato, a distanza di circa due settimane, è che nonostante gli uffici siano vuoti l’attività del gruppo sta proseguendo a pieno regime. Moltissimi poi i ringraziamenti che l’azienda ha ricevuto anche da parte dei propri clienti che, grazie alla tecnologia web e mobile con cui sono realizzati gli applicativi Zucchetti, hanno potuto proseguire l’attività lavorativa senza difficoltà.

 

L'articolo Zucchetti. In emergenza, lo smart working che funziona proviene da WeWelfare.

Ultimo aggiornamento: 20 Marzo, 14:00

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Dalla candeggina ai contagi: ecco le bufale su cani e gatti

di Marco Pasqua