Polonia, il Premier: "Se UE inizia guerra pronti a difenderci"

Polonia, il Premier: "Se UE inizia guerra pronti a difenderci"
2 Minuti di Lettura
Lunedì 25 Ottobre 2021, 14:15

(Teleborsa) - Se la Commissione europea "inizierà la terza guerra mondiale" sul tema del rispetto dello stato di diritto, la Polonia si "difenderà" con "tutte le armi a disposizione". Lo ha detto il Primo ministro polacco Mateusz Morawiecki in un'intervista al Financial Times accusando l'UE di aver avanzato richieste alla Polonia con una "pistola alla testa" ed invitando, parallelamente, Bruxelles a togliere dal tavolo le minacce di sanzioni legali e finanziarie.

Morawiecki detta la linea rispondendo a chi gli chiedeva se la Polonia potesse porre il veto su decisioni critiche su una legislazione come il pacchetto sul clima dell'UE.

"Se qualcuno ci attaccherà in modo completamente ingiusto, ci difenderemo in ogni modo possibile", ha insistito il Premier polacco. "Riteniamo che questo sia un approccio già discriminatorio e un tipo di diktat. Ma se peggiorerà, dovremo pensare alla nostra strategia".

Ad accendere la miccia la recente sentenza della Corte costituzionale di Varsavia stando alla quale due articoli (1 e 19) dei trattati europei non sono compatibili con la Costituzione polacca. Non si è fatta attendere la reazione furiosa della UE: "Siamo profondamente preoccupati, analizzeremo rapidamente i passi che prenderemo", ha detto la Presidente della Commissione UE von der Leyen. Sulla stessa linea il Commissario Ue alla Giustizia, Didier Reynders, che ha parlato di volontà" di proteggere i cittadini polacchi".

E proprio in scia alla vexata quaestio sullo stato di diritto, si inserisce un altro scontro: è notizia-bomba di qualche giorno fa che il Parlamento europeo porterà la Commissione davanti alla Corte di Giustizia dell'Ue: è stato il Presidente dell'Eurocamera Sassoli a dare mandato ai suoi servizi giuridici di procedere. Rarissima la disputa legale tra le istituzioni europee, ma consentita dall'articolo 265 del Trattato sull'Unione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA