Piazza Affari in rialzo insieme al resto d'Europa

Mercoledì 7 Novembre 2018
(Teleborsa) - Le Borse europee chiudono ampiamente positive confermando il trend di inizio giornata. Piazza Affari in scia guadagna oltre un punto percentuale, grazie anche ad alcune trimestrali in crescita. Bene anche Wall Street, che apre in forte rialzo nel day after delle elezioni di Midterm.

Giornata meno brillante dal fronte macroeconomico, con il commercio al dettaglio dell'Eurozona che ha subito un forte rallentamento rispetto al mese precedente. Non se la passa meglio l'economia nostrana: l'anticipatore del PIL comunicato dall'Istat ha confermato la fase di debolezza del ciclo economico, interrompendo l'espansione iniziata nei primi tre mesi del 2015. Sempre in Italia calo sostenuto per le vendite al dettaglio.

L'Euro / Dollaro USA prosegue gli scambi con un guadagno frazionale dello 0,41%. L'Oro mantiene la posizione sostanzialmente stabile su 1.227,3 dollari l'oncia. Perde terreno il petrolio (Light Sweet Crude Oil), che scambia a 61,4 dollari per barile, con un calo dell'1,30%.

Torna a scendere lo spread, attestandosi a 289 punti base, con un calo di 6 punti base,mentre il rendimento del BTP a 10 anni si attesta al 3,33%.

Nello scenario borsistico europeo si muove in territorio positivo Francoforte, mostrando un incremento dello 0,82%, denaro su Londra, che registra un rialzo dell'1,09%, e bilancio decisamente positivo per Parigi, che vanta un progresso dell'1,24%.

Segno più in chiusura per il listino italiano, con il FTSE MIB in aumento dell'1,42%; sulla stessa linea, il FTSE Italia All-Share termina la giornata in aumento dell'1,36%. In netto miglioramento il FTSE Italia Mid Cap (+1,52%), come il FTSE Italia Star (2,3%).

Il controvalore degli scambi nella seduta odierna è stato pari a 1,68 miliardi di euro, in rialzo rispetto agli 1,62 miliardi della vigilia, mentre i volumi si sono attestati a 1,12 miliardi di azioni, rispetto ai 0,89 miliardi precedenti.

Su 220 titoli trattati a Piazza Affari, 54 hanno terminato la seduta con una flessione, mentre i rialzi sono stati 150. Invariate le rimanenti 16 azioni.

Alimentare (+3,01%), utility (+1,81%) e petrolio (+1,78%) in buona luce sul listino milanese. In fondo alla classifica, i maggiori ribassi si sono manifestati nei comparti materie prime (-0,92%) e sanitario (-0,59%).

Tra le migliori azioni italiane a grande capitalizzazione, effervescente Campari, premiata dagli analisti dopo un bilancio superiore alle attese, con un progresso del 3,59%.

Incandescente Pirelli, che vanta un incisivo incremento del 3,42%.

In primo piano Poste Italiane, che mostra un forte aumento del 3,31%.

Decolla Buzzi Unicem, con un importante progresso del 3,07%.

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Brembo, che ha archiviato la seduta con un -2,54% dopo aver comunicato in data odierna i risultati per i primi nove mesi dell'anno.

Seduta negativa per STMicroelectronics, che mostra una perdita dell'1,23%.

Tentenna Tenaris, che cede lo 0,93%.

Sostanzialmente debole UBI Banca, che registra una flessione dello 0,58%.

Al Top tra le azioni italiane a media capitalizzazione, Falck Renewables (+9,44%), Interpump (+7,50%), Brunello Cucinelli (+5,24%) e IGD (+5,13%). In luce Tiscali, che ha guadagnato il 17,16% sui rumors relativi al presunto aumento dell'offerta da parte di Fastweb riguardo l'accordo di partnership dello scorso luglio.

I più forti ribassi, invece, si sono verificati su Diasorin, che ha archiviato la seduta con un -6,04%.

In apnea Banca MPS, che arretra del 2,87%.

Sotto pressione Italmobiliare, che accusa un calo dell'1,62%.




© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Un film per ricordare Angelo

di Marco Pasqua