Luciano Benetton: "Alitalia resti marchio italiano, ma nessuno ci ha cercato"

Domenica 19 Maggio 2019
(Teleborsa) - Per il futuro del Gruppo tessile Benetton, il fondatore Luciano, 84 anni, è ottimista: "prevedo che nel 2020 tornerà in attivo. Ce la faremo. Abbiamo già ridotto il disavanzo del quaranta per cento: era di 180 milioni e adesso è sotto i cento. La squadra e' quasi al completo. E su Alitalia: "Mi sono informato: non c'è stato nessun incontro, nessuna proposta, niente di niente". Per quanto riguarda la quota detenuta in Generali, "non abbiamo alcun rappresentate nel consiglio e ci sta bene cosi'. Crediamo però che le Generali debbano essere italiane. Ci sono anche Caltagirone, Del Vecchio e Mediobanca. E' un bel pacchetto italiano che, tutti e tre insieme, vorremmo rafforzare".

Lo ha detto in un'intervista a tutto campo rilasciata a un quotidiano dove ha affrontato le "diverse situazioni" in cui, in un modo o nell'altro, è impegnata la sua azienda, sottolineando la collaborazione con "l'amico" fotografo Oliviero Toscani che lo ha convinto, nonostante l'età, a prestare il suo volto per la pubblicità dell'azienda tessile e che Toscani ha chiamato lo stilista Jean-Charles de Castelbajac come nuovo direttore artistico.

"Abbiamo smesso di chiudere negozi - ha affermato Luciano Benetton soddisfatto - e cominciamo ad aprire i nuovi. Ne prevedo cento in un anno". Ed è imminente un cambio al vertice, l'arrivo di un nuovo Amministratore delegato della holding: "A sostituire Marco Patuano - ha anticipato - non sarà un Benetton. Posso dire solo che sarà un interno".

"Siamo forti noi Benetton - ha sottolineato con visibile orgoglio l'84 enne Luciano spiegando il proprio pensiero - e sappiamo distinguere, sappiamo aspettare. Alitalia sta a cuore a tutti gli italiani e credo che non rimanga molto tempo. La cosa più importante è il marchio italiano, la bandiera. C'e' l'esempio della Swissair che è fallita, ma il marchio (trasformato in SWISS, n.d.r.) è ora gestito da Lufthansa".

"Gli Aeroporti di Roma e Alitalia - ha proseguito Benetton ribadendo lo stato dell'arte sulla questione ex compagnia di bandiera - hanno certamente interessi comuni. Ma non sono arrivate proposte". E riguardo la "minaccia" di revoca delle concessioni autostradali ha risposto: "Non so se davvero si possano revocare le concessioni. Di sicuro bisogna decidere: o siamo razza padrona o siamo imprenditori affidabili".

"Chiunque ci conosce appena un po' - ha concluso Benetton - non ha mai dubitato di noi, tutti sanno che non facciamo parte di quel capitalismo che è un'avventura tra politica e malaffare. Non siamo ne papponi di Stato ne razza padrona".



© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Under 15, l’approccio in disco benedetto dal like dell’amica

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma