Huawei accusata dalla Procura di New York di furto di brevetti

Venerdì 14 Febbraio 2020
(Teleborsa) - Huawei viene accusata in USA di "criminalità organizzata". A lanciare un allarme così pesante sul colosso cinese delle tlc - secondo il Wall Street Journal - sarebbe stata la Procura federale di New York per presunti furti di "segreti commerciali".

Il Procuratore federale di Brooklyn, Richard Donoghue, avrebbe accusato Huawei e le sue controllate di furto di proprietà intellettuale ai danni di alcune aziende americane. Sarebbero almeno 6 le aziende statunitensi colpite in un arco temporale piuttosto lungo che copre almeno un decennio.

Il Dipartimento di Giustizia americano avrebbe così avanzato 16 nuovi capi d'accusa contro la big cinese, che era stata già accusata lo scorso anno di aver violato dei brevetti di T-mobile, questione che era sfociata nell'arresto in Canada del suo direttore finanziario Meng Wanzhou.

Torna a crescere così la tensione fra gli Stati Uniti ed il colosso delle tlc attivo nel settore mobile e del 5G.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Zero pubblico, il Bioparco pensa ai fondi

di Marco Pasqua