Denaro su Piazza Affari. Focus sulle trimestrali

Mercoledì 7 Novembre 2018
(Teleborsa) - Nessun tentennamento per Piazza Affari, che si conferma in corsa in un'Europa pure positiva. Driver al rialzo l'esito delle elezioni di midterm negli Stati Uniti ma anche, per quanto riguarda il listino milanese, alcune trimestrali in crescita.

Di scarso aiuto la macroeconomia, con le vendite al dettaglio piatte in Eurozona e in calo in Italia.

Seduta in lieve rialzo per l'Euro / Dollaro USA, che avanza a quota 1,149. L'Oro prosegue gli scambi con guadagno frazionale dello 0,49%. Il Petrolio (Light Sweet Crude Oil) continua gli scambi, con un aumento dello 0,92%, a 62,78 dollari per barile.

Migliora lo spread (differenziale tra il rendimento del BTP e quello del Bund tedesco), scendendo a 288 punti base, con il rendimento del BTP decennale che si posiziona al 3,34%.

Tra i listini europei denaro su Francoforte, che registra un rialzo dello 0,77%, bilancio decisamente positivo per Londra, che vanta un progresso dello 0,97%, e buona performance per Parigi, che cresce dell'1,10%.

A Piazza Affari, il FTSE MIB continua la giornata con un aumento dell'1,41%, a 19.539 punti; sulla stessa linea, giornata di guadagni per il FTSE Italia All-Share, che continua la giornata a 21.502 punti. Positivo il FTSE Italia Mid Cap (+1,19%), come il FTSE Italia Star (1,6%).

Si distinguono a Piazza Affari i settori alimentare (+2,67%), petrolio (+1,85%) e beni industriali (+1,82%).

In cima alla classifica dei titoli più importanti di Milano, troviamo Poste Italiane (+3,25%) in attesa del bilancio e Campari (+3,03%), che invece beneficia di una serie di upgrade dopo i conti migliori delle attese diffusi ieri. Ben acquistata anche CNH Industrial (+2,71%), che pure oggi riunisce il CdA per l'approvazione della trimestrale, e Pirelli (+2,65%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su STMicroelectronics, che ottiene -0,52%.

Tra i protagonisti del FTSE MidCap, Falck Renewables (+7,37%), Banca Farmafactoring (+5,22%), Datalogic (+4,88%) e Inwit (+4,23%).

Le peggiori performance, invece, si registrano su Diasorin -2,13%, con il mercato che non sembra aver apprezzato i risultati diffusi in tarda mattinata.

Sotto pressione OVS, con un forte ribasso dell'1,63%.

Soffre Aquafil, che evidenzia una perdita dell'1,46%.

Contrazione moderata per Cementir, che soffre un calo dello 0,92%. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Un film per ricordare Angelo

di Marco Pasqua