Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Delega fiscale, accordo in maggioranza su catasto e cedolari: esulta il centrodestra

Delega fiscale, accordo in maggioranza su catasto e cedolari: esulta il centrodestra
2 Minuti di Lettura
Venerdì 6 Maggio 2022, 10:00

(Teleborsa) - La maggioranza ha trovato l'accordo sulla delega fiscale, catasto e regime delle cedolari incluso. A meno di 24 ore dall'ultimo rinvio dell'approdo in Aula di Montecitorio il centrodestra ha rilanciato con una nota l'accordo su un nuovo testo degli articoli 2 e 6 della legge delega. "Eliminato ogni riferimento al sistema duale, preservando i regimi cedolari esistenti e garantendo una armonizzazione del sistema fiscale: nessun incremento di tassazione potrà quindi colpire i risparmi o la casa degli italiani", si legge nel comunicato diffuso dal centrodestra. Per quel che riguarda il catasto, eliminato "ogni riferimento ai valori patrimoniali degli immobili, consentendo l'aggiornamento delle rendite secondo la normativa attualmente in vigore e senza alcuna innovazione di carattere patrimoniale".

Il centrodestra di governo ha espresso "grande soddisfazione" per l'intesa raggiunta con Palazzo Chigi. Il nuovo articolo 6 prevede inoltre espressamente che i proventi e il maggior gettito recuperato con l'emersione delle cosiddette "case fantama" dovrà essere destinato alla riduzione delle imposte sulla casa, a partire dall'Imu. Il primo passo per il nuovo catasto resta comunque la mappatura degli immobili e dunque la rilevazione dei beni non censiti. L'obiettivo espresso a più riprese dal presidente del Consiglio Draghi e dal ministro delle Finanze Franco resta quello di dotare comuni e agenzia delle Entrate di strumenti in grado di facilitare e accelerare l'individuazione e, eventualmente, il corretto classamento degli immobili attualmente non censiti o che non rispettano la reale consistenza di fatto, la relativa destinazione d'uso, ovvero la categoria catastale attribuita.

Si dovrà far chiarezza inoltre sui terreni edificabili accatastati come agricoli e accendere un faro sugli immobili abusivi, individuando anche specifici incentivi e forme di valorizzazione delle attività di accertamento attuate dai comuni. Attenzione, il principio della delega prevede che questa operazione di rilevazione debba tradursi nei fatti in un'operazione "trasparenza". La delega prevede anche che l'amministrazione finanziaria e i Comuni possano essere messi in grado di incrociare i dati e soprattutto condividere informazioni e documenti ai fini dell'accatastamento delle unità immobiliari. Ai Comuni che parteciperanno alle nuove rilevazioni potrà essere destinata una quota maggiore del gettito recuperato così da poter essere destinato alla riduzione delle tasse sul mattone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA