Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Dami, dalla tradizione all'innovazione: nasce Dway per la crescita sostenibile integrale

Uno scorcio del DLab 4.0 realizzato da Dami
3 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Luglio 2022, 21:23

Dalla tradizione all'innovazione. Succede nelle Marche, è la storia di Dami. Nata dall’intuizione di Alberto Catalini ed Ennio Pieragostini l’impresa è oggi guidata da Elisabetta Pieragostini. Una leadership femminile per il primo produttore di fondi per calzature a voler far avanzare non solo il passo di adulti e bambini ma anche il cammino dell’intera società. Come? Grazie al D-WAY. Si tratta di un’originale green-policy aziendale, un vero e proprio modello eco-sostenibile di riferimento che colloca la company marchigiana tra le più all’avanguardia sul terreno della transizione ecologica, della responsabilità sociale e dell’etica nel business. Il primo step di questa agenda di eco-sviluppo che investe ogni aspetto della filosofia d’impresa è il DLab, la R&D e creative house di Dami pensata per lo sviluppo di materiali, modelli e prototipi per supportare i clienti nel perseguire gli obiettivi di sostenibilità ambientale, design e funzionalità.

Il DLAB analizza, progetta, realizza prototipi fino all’ingegnerizzazione e all’industrializzazione del prodotto. Rappresenta una vera e propria community tecnologica aperta e condivisa “madre” del Recycled EVA (realizzato per almeno il 20% da scarti di calzature riciclate), del Nature Bio (suole derivanti da compound bio-based), di Re Sole (ricavate dal riuso di materiale di scarto in TR e TPU) e delle nuove stampanti 3D. Il Green code dell’azienda marchigiana prevede anche la promozione di una Carta Eco-Etica per una rigorosa tutela del pianeta contenente un vero e proprio patto di consapevolezza “For Better Living” degli impatti sociali economici ed ecologici dell’impresa a sostegno della responsabilità intergenerazionale condivisa con i vari portatori d’interessi.

Una eco ethical vision che coinvolge Dami con la promozione di un’organizzazione integrale in chiave green: dal magazzino automatico verticale alla digitalizzazione documentale, dal recupero e riciclo dei materiali di scarto della produzione alla tendenza plastic free, fino all’utilizzo al 100% di energia da fonti rinnovabili, senza dimenticare l’armonizzazione di politiche orientate al rispetto ad ogni livello (piena parità di genere, percorsi di crescita umana e professionale per i collaboratori, welfare aziendale, misure contro lo stress da lavoro). Dal 1968 Dami è -quindi- un’azienda all’avanguardia che ha goduto sì dell’altissimo livello di specializzazione di un settore che, nel Fermano, affonda le sue radici nelle botteghe artigiane del Trecento, ma ha saputo evolversi guardando anche oltre confine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA