Coronavirus, 5 milioni i contagi nel mondo: emergenza in Brasile

Coronavirus, 5 milioni i contagi nel mondo: emergenza in Brasile
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Giugno 2020, 10:15

(Teleborsa) - Sono 5 milioni i casi di contagi da Covid-19 nel mondo, con 328.172 vittime ( dati Johns Hopkins University), mentre scoppia il caso Brasile che continua a registrare picchi di contagi e morti.

Gli ultimi dati sulla pandemia vedono infatti un aumento di casi e contagi in America Latina che fa registrare un totale di 1.403.259 casi (+49.349) 69.190 morti, come emerge da una statistica redatta dall'Ansa su dati relativi a 34 Nazioni e territori latinoamericani.

A preoccupare in particolare è il Brasile che ha registrato nelle ultime 24 ore altri 1.272 morti per coronavirus portando il bilancio complessivo a 38.406, mentre i nuovi contagi sono stati 32.091 per un totale di 739.503 casi accertati. I dati provengono dal ministero della Salute che ha confermato lo stato di San Paolo come epicentro dell'epidemia con 150.138 contagi e 5.545 vittime.

Particolarmente tesa è anche la situazione politica. Il governo di Jair Bolsonaro ha infatti deciso di cambiare il criterio di conteggio dei casi di Covid-19 nel Paese, fornendo le cifre solo delle ultime 24 ore per poi fare marcia indietro dopo l'ordine del giudice della Corte suprema brasiliana (Stf), Alexandre de Moraes, che ha chiesto di tornare al conteggio complessivo. Intanto, la stampa ha deciso di creare un consorzio per divulgare un bilancio parallelo a quello ufficiale.

Le accuse delle opposizioni al presidente Bolsonaro sono arrivate fino alla Corte penale internazionale dell'Aja che ha iniziato l'analisi di una denuncia per presunto "crimine contro l'umanità" con l'accusa di non attuare una politica efficace per combattere la pandemia da coronavirus, anche se il ricevimento della denuncia "non significa che il processo sarà aperto"

La situazione è critica anche nel resto dell'America Latina: dopo il Brasile c'è il Perù con 203.736 casi (+5.738). Seguono Cile (142.759 e 2.283), poi Messico (120.102 e 14.053), Ecuador (43.378 e 3.642), Colombia (40.719 e 1.308), Repubblica Dominicana (20.126 e 539), Argentina (23.620 e 693), Panama (16.425 e 393), Bolivia (13.643 e 465), Guatemala (7.055 e 252) e Honduras (6.327 e 258).

Rimanendo in America, sono 819 i morti per coronavirus negli Stati Uniti nelle ultime 24 ore, durante le quali il numero di contagiati è salito di 17.300 unità. Secondo i dati della John Hopkins University, i contagiati sono in totale 1.977.085 e i decessi 111.876.

In Cina si sono poi registrati due nuovi contagi nuovi casi di contagio da coronavirus, rispetto ai cinque del giorno precedente. Uno dei due contagi è provocato da trasmissione locale a Shanghai, mentre il secondo proviene dall'estero.

In Corea del Sud decine di scuole nella città di Incheon, a ovest di Seul, sono state di nuovo chiuse dopo che sono emersi due nuovi casi di contagi, il primo giorno di rientro dallo scoppio della pandemia di Covid-19.

Quasi tremila morti in Russia dove sono stati registrati 8.764 casi di contagio da COVID-19 nelle ultime 24 ore per un totale che supera le 300.000 infezioni, più precisamente 308.705, un aumento del 2,9%. Mosca ha registrato 2.699 casi e resta la zona più colpita dall'epidemia. Anche il bilancio dei morti è in salita: nelle ultime 24 ore sono stati registrati 135 decessi (115 ieri), per un totale di 2.972.

Preoccupa anche la situazione in Pakistan dove l'epidemia sta accelerando rapidamente tanto che l'Oms ha raccomandato a Islamabad almeno due settimane di lockdown. Nelle ultime 24 ore si sono registrati 5.385 casi confermati, che portano il totale in tutto il Pakistan a 113.702. Il Pakistan, 216 milioni di abitanti, è fra i dieci Paesi più infettati dal Covid-19, secondo le classifiche dell'Oms.

© RIPRODUZIONE RISERVATA