Assogestioni, raccolta gennaio in calo ma patrimonio tocca nuovo record

Mercoledì 26 Febbraio 2020
(Teleborsa) - L'industria italiana del risparmio gestito apre il 2020 con un saldo di raccolta negativo. Secondo i dati rilevati dall'ufficio studi di Assogestioni relativi al mese di gennaio, il settore registra dsto negativo per 4,7 miliardi di euro, con flussi netti in uscita sia dalle gestioni collettive (-2,1 miliardi) che dalle gestioni di portafoglio (-2,5 miliardi).

La lettura del dato mensile relativo ai fondi aperti mostra che i deflussi (-2,14 miliardi) sono da iscriversi in particolare ai riscatti dai fondi flessibili (-2 miliardi) e dai monetari (-694 milioni). Positivo invece il dato dei fondi bilanciati (+649 milioni).

Fanno bene anche i fondi chiusi (+170 milioni): un primo, tangibile segnale dell'aumento dell'interesse del pubblico dei risparmiatori verso l'investimento in economia reale.

A determinare i deflussi sono state principalmente le gestioni di portafoglio, che nel corso del mese segnano un calo di 2,5 miliardi, condizionate in particolare dal trasferimento da parte del Gruppo Credem di un mandato di gestione infragruppo delle polizze assicurative Unit Linked da Euromobiliare AM Sgr a Credemvita. In flessione di 2,8 miliardi le gestioni istituzionali, mentre sono positive quelle retail (+267 milioni).

A livello complessivo, l'apprezzamento dei mercati porta il patrimonio gestito su un nuovo massimo storico di 2.321 miliardi di euro, un dato in crescita di circa 214 miliardi (+10%) rispetto ai 2.106 miliardi registrati a gennaio 2019. Le masse gestite dal sistema sono quasi equamente suddivise tra gestioni collettive (1.134 miliardi) e gestioni di portafoglio (1.186 miliardi).

In merito all'operazione straordinaria del Gruppo Credem, Assogestioni spiega che essa "comporta l'uscita dal perimetro della rilevazione Assogestioni di circa tre miliardi di euro, registrati in diminuzione del patrimonio gestito e come raccolta netta negativa. Il fenomeno non è collegato a disinvestimenti della clientela: le succitate masse restano all'interno del Gruppo Credem". © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Traffico e sveglie all’alba: cosa non ci manca dell’uscire di casa

di Veronica Cursi