COVID

8 marzo, parte la campagna dell'Onu per la leadership femminile nel mondo post Covid

Martedì 19 Gennaio 2021
8 marzo, parte la campagna dell'Onu per la leadership femminile nel mondo post Covid

«Donne al comando, come raggiungere la parità nel mondo post-covid» è il tema che è stato lanciato dall'Onu in vista dell'8 marzo.  L'argomento scelto vuole far riflettere sugli enormi sforzi compiuti dalle donne e dalle ragazze di tutto il mondo verso un futuro più equo. Si tratta di una traccia di lavoro, per la ripresa dalla pandemia in corso, anche per la 65a sessione della Commissione sulla condizione delle donne al Palazzo di Vetro.

«La piena ed effettiva partecipazione delle donne e il processo decisionale nella vita pubblica, così come l'eliminazione della violenza, per raggiungere l'uguaglianza di genere e l'empowerment di tutte le donne e le ragazze» resta al centro della campagna internazionale che da tempo chiede il diritto delle donne a prendere decisioni in tutti gli ambiti della vita pubblica,  chiede la parità di retribuzione, l'equa condivisione delle cure non retribuite e del lavoro domestico, la fine di tutte le forme di violenza e i servizi sanitari che rispondano alle loro esigenze.

Le donne sono in prima linea nella pandemia come operatrici sanitarie, assistenti, manager, organizzatrici, leader. La crisi tuttavia ha messo in luce sia la centralità dei loro contributi sia gli oneri sproporzionati che le donne si portano dietro.

La maggior parte dei paesi che hanno avuto più successo nell'arginare la marea della pandemia sono guidati dalle donne. Ad esempio, i capi di governo di Danimarca, Etiopia, Finlandia, Germania, Islanda, Nuova Zelanda e Slovacchia sono stati ampiamente riconosciuti per la rapidità, la decisione e l'efficacia della loro risposta nazionale sulla salute pubblica basate sui fatti.Eppure, le donne sono capi di Stato e di governo solo in 20 paesi del mondo.

Oltre alle persistenti barriere sociali e sistemiche durante il lockdown è anche emerso che le donne si sono ad affrontare un aumento della violenza domestica, dei doveri assistenziali non pagati, della disoccupazione e della povertà.

Ultimo aggiornamento: 16:51 © RIPRODUZIONE RISERVATA