Giorgio Ursicino
MILLERUOTE di
Giorgio Ursicino

Roma non lascia, raddoppia: gli E-Prix di FE all'Eur saranno due, il 10 e l'11 aprile

Domenica 28 Marzo 2021 di Giorgio Ursicino
La Jaguar di Formula E nell'ultimo E-Prix di Roma

Roma non lascia. Raddoppia. In realtà, il terzo E-Prix della Capitale, che è anche il terzo della stagione “sette” di Formula E scattata a fine febbraio a Diriyah in Arabia Saudita, non è mai stato in discussione. Non ci sono mai state titubanze e dubbi nel portare avanti l’evento, sia da parte dell’amministrazione della città, sia da quella degli organizzatori guidati dal ciclone Alejandro Agag. La gara, chiaramente, sarà a porte chiuse e il tracciato rivisitato dell’Eur si presta come pochi altri allo show. Un mix fra bellezze paesaggistiche, spettacolarità della pista, spazi e sicurezza. Caratteristiche che hanno consentito alla competizione di affermarsi come la migliore del lotto. In più, questa volta, c’era un problema aggiuntivo: le complicazioni di una pandemia che non è affatto alle spalle.

La FE, da questo punto di vista, ha molte più difficoltà della F1 che è ospitata in impianti chiusi e, quasi sempre, lontani dalle città. Per ospitare un Grand Prix anche senza pubblico c’è la fila; per accendere un E-Prix nel cuore di una metropoli è necessario affrontare costi ingenti e notevoli difficoltà logistiche. Il circuito bisogna costruirlo e poi rismontarlo, un impegno tutt’altro che trascurabile se i tifosi non possono accedere. Così, per non correre il rischio di essere costretti come nel 2020 a concludere la stagione tutta nella stessa arena, visto lo spettro del virus con le sue varianti ancora fra noi, la FE ha deciso di portarsi avanti con il lavoro. Il 3° E-Prix della stagione 7 di FE in programma il 10 aprile sarà seguito dal 4° il giorno successivo sulla stesso tracciato giallorosso.

I disagi aggiuntivi per la Città Eterna saranno veramente minimi, lo spettacolo esattamente raddoppiato. Una formula vincente per tutti. Il silenzioso Circo ad emissioni zero smonterà le tende dall’Eur più o meno quando era stato programmato, domenica sera. Qualche ora in più di un giorno festivo con un atmosfera quasi da lockdown. Un’occasione troppo ghiotta per non essere sfruttata, dando la garanzia ai bolidi di potersi esibire su un circuito tecnicamente “vero” ad alta spettacolarità. Una garanzia di qualità per Agag e la Federazione che avranno l’onore di esibirsi con un bis all’ombra del Colosseo. La gara del sabato, quella regolarmente in calendario, scatterà alle ore 16. Quella “aggiuntiva” prenderà il via alle 13 della domenica per consentire agli organizzatori di riconsegnare l’area ai cittadini prima dello scadere della mezzanotte.

Entusiasti tutti i protagonisti dell’evento. «Un doppio appuntamento con le emozioni dello sport e con la mobilità sostenibile - ha dichiarato con soddisfazione la sindaca Raggi - la Formula E ha rinnovato l’impegno con la nostra città nei prossimi anni, i grandi eventi possono essere green e contribuire a rendere le città migliori, più vivibili» Daniele Frongia, Assessore allo Sport, Politiche giovanili e Grandi Eventi cittadini, ha aggiunto: «La decisione della FIA e della Formula E di raddoppiare la data della tappa romana costituisce una conferma per Roma Capitale che abbiamo lavorato in questi lunghi mesi nella direzione di garantire la migliore pianificazione tenendo conto di tutti i possibili scenari e dell’evoluzione del quadro pandemico e delle misure restrittive».

Alberto Sasso, presidente dell’Ente Eur ha spiegato: «Un doppio evento ancora più coinvolgente e significativo. Una occasione unica, che sapremo capitalizzare al meglio». L’uomo di mister Agag, il romano General Manager della Formula E Renato Bisignani, ha concluso: «L’aggiunta della seconda gara all’Eur non avrà alcun impatto sulle tempistiche delle procedure di smantellamento del circuito, né sulle restrizioni al traffico. L’annuncio di oggi ribadisce la rilevanza strategica dell’Italia e di Roma per l’intera competizione».

Ultimo aggiornamento: 01-04-2021 19:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA