Giorgio Ursicino
MILLERUOTE di
Giorgio Ursicino

Patto Volkswagen-dipendenti: in futuro più risparmi e investimenti

Mercoledì 23 Novembre 2016
Un patto per il futuro. Dopo mesi di dialogo e serrate trattative i vertici del gruppo Volkswagen e il Consiglio di Fabbrica hanno annunciato di aver raggiunto un accordo che ridisegnerà in parte l’azienda per renderla «più agile e produttiva, pronta ad affrontare le nuove sfide e i cambiamenti in atto nel settore». La casa tedesca ha l’obiettivo di trasformarsi da puro «costruttore di auto a provider di servizi di mobilità nell’era della digitalizzazione». Il gigante, che attualmente dà lavoro ad oltre 620 mila persone in tutto il mondo, taglierà 30 mila posti (il 5% del totale), 23 mila dei quali in Germania.

Bernd Osterloh, il rappresentante dei lavoratori, ha precisato che «non ci saranno licenziamenti fino al 2025, la riduzione del personale verrà effettuata, in modo socialmente compatibile», cioè con part time, prepensionamenti e uscite concordate per i lavoratori più anziani. La manovra riguarda soprattutto il brand Volkswagen, il più importante, ma anche quello con la produttività e la redditività meno elevate, performance non più sostenibili per un marchio globale alla vigilia della svolta elettrica e della guida autonoma. La riorganizzazione consentirà risparmi di 3,7 miliardi di euro l’anno dal 2020, 700 milioni all’estero, tre miliardi in Germania.

La produttività salirà del 25%, il margine operativo raggiungerà il 4%. Non solo tagli, il patto per il futuro prevede l’accelerazione verso le nuove tecnologie dove il gruppo di Wolfsburg vuole essere leader. Nelle nuove aree saranno investiti 3,5 miliardi e creati 9 mila posti di lavoro. «È il più grande programma di modernizzazione nella storia del nostro marchio principale» ha dichiarato il ceo del gruppo Matthias Mueller. Il responsabile del marchio Volkswagen Herbert Diess ha aggiunto: «Un grande passo avanti, il patto rappresenta una trasformazione fondamentale della catena del valore, lo sviluppo di nuove competenze è un investimento strategico. Il futuro è nelle nostre mani». Giudizio positivo anche da parte di Osterloh: «Dopo un lungo lavoro abbiamo raggiunto un risultato soddisfacente, un compromesso accettabile per entrambe le parti. Entriamo nella mobilità elettrica di prossima generazione, le componenti prodotte nelle nostre strutture renderanno gli stabilimenti tedeschi pionieri all’interno del gruppo Volkswagen». Ultimo aggiornamento: 14:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA