ROMA

Amira buttata da un’auto perché malata, a Roma le operazioni per salvarla

Martedì 28 Gennaio 2020 di Marco Pasqua

Amira è un segugio che a pochi mesi di vita ha scoperto fino a che punto può arrivare la crudeltà dell’uomo. I suoi padroni, che probabilmente non ne volevano sapere di far curare la sua grave malformazione alle zampe, hanno pensato di abbandonarla, lanciandolo da un’auto in corsa, in provincia di Lecce. Senza pietà, l’hanno buttata e lasciata agonizzante: per fortuna, però, Amira è stata notata e salvata da alcuni volontari dell’Oipa. Così, pochi mesi fa, raccolta la disponibilità dell’Ospedale veterinario Gregorio VII, è stata trasferita a Roma e operata. Un intervento complesso che il direttore sanitario della clinica, Matteo Tommassini, ha voluto effettuare a titolo gratuito.

L’operazione ad una zampa è riuscita e non appena il suo quadro clinico lo consentirà si interverrà anche sull’altra. «Una grande catena di solidarietà ha permesso un’inversione di rotta nella storia di Amira, una delle tante vittime dell’abbandono – commenta Andrea Caricato, delegato Oipa Lecce – Dai nostri volontari ai veterinari romani, tutti hanno collaborato per darle una speranza di vita migliore. Ora manca solo il lieto fine definitivo: una bella adozione». Per dare la propria disponibilità ad adottarla si deve inviare un’email a info@oipa.org.
marco.pasqua@ilmessaggero.it
 

Ultimo aggiornamento: 16:22 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani