CORONAVIRUS

Quarantena a casa, bevi poca acqua? Cosa succede al tuo cervello (e all'umore)

Martedì 21 Aprile 2020

LOLNEWS.IT - Quando prima della quarantena ci capitava di stare fuori casa anche tutta la giornata, avevamo la nostra bottiglia di acqua sulla scrivania dell’ufficio o la nostra borraccia a cui di tanto in tanto attingevamo per reidratarci. Ora che siamo in quarantena a casa potremmo essere portati a dimenticarci di bere: eppure, se ci pensiamo, circa metà del nostro peso corporeo è rappresentato da acqua, numero che sale al 75% per il cervello.

Coronavirus, la dieta brucia grassi per dimagrire dopo Pasqua: ecco i 6 cibi più efficaci

L’organo che ha maggior bisogno di acqua, dunque, è quello cerebrale, tuttavia quando arriviamo a sentirci assetati, abbiamo già innescato una serie di effetti negativi che hanno conseguenze potenzialmente rischiose sulla concentrazione, la memoria, l’attenzione e persino l’umore. Esso, infatti, tende a restringersi, riducendo il proprio volume anche se si perde una piccola quantità di acqua rispetto alla normale percentuale. I rischi per la nostra salute, però, non sono finiti: i dettagli nel video. Foto@Shutterstock
Leggi anche: >> ACQUA E LIMONE FA BENE DAVVERO? NON BEVETELA IN QUESTI CASI: IL GRAVE RISCHIO PER LA SALUTE

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani