Rissa tra giovani su scalinata San Bernardino, tre condanne dal Tribunale

Nella foto la Questura dell'Aquila
di Marcello Ianni
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 13 Ottobre 2021, 09:00

Per ragioni di droga si erano affrontati sulla scalinata di San Bernardino: 13 albanesi contro 2 colombiani, una spedizione punitiva sfociata in una rissa nella quale era spuntato anche un coltello che aveva costretto uno dei contenenti, un minore di nazionalità albanese ad essere ricoverato in prognosi riservata in ospedale. Ieri la vicenda penale è stata definita nel corso del rito abbreviato dinanzi il Gup Il pm Fabio Picuti aveva chiesto per il maggiore accusato, il colombiano Jimenez Trujillo Rutyeri di 27 anni la condanna ad 8 anni di reclusione ipotizzando il tentato omicidio. All’esito della discussione il Gup ha aderito alla tesi difensiva (il giovane è stato assistito dall’avvocato Marco Ferrone) concludendo per la condanna a 2 anni di reclusione, rimarcando come nel caso di specie si debba parlare solo di lesioni ma non di tentato omicidio. Le condotte degli imputati sono state ricostruite attentamente dalla Polizia giudiziaria grazie all’ausilio dei filmati estrapolati dai sistemi di videosorveglianza di abitazioni in via Fortebraccio e grazie alle deposizioni rese da alcuni passanti che hanno assistito all’accaduto. Jimenez, infatti, così come è emerso dalle indagini, in posizione visibilmente sfavorevole, anche in ragione della disparità numerica, ha tentato inizialmente di sottrarsi alla contesa, per poi essere raggiunto dai contendenti. Lo stesso ha ripetutamente tentato di difendersi sferrando un fendente solo dopo essere stato bloccato e minacciato con una catena, effettuando una difficoltosa rotazione del braccio all’indietro senza vedere quale parte del corpo della persona offesa attingeva. Nell’ambito dello stesso procedimento Sotelo Trujillo Bryan Esmith, colombiano (assistito sempre dall’avvocato Ferrone) e Djiad Miniri, macedone, entrambi di 20 anni (assistito dall’avvocato Umberto Pilolli)  sono stati condannati a 200 euro di multa ciascuno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA