Professoressa muore di leucemia pochi giorni dopo aver sposato la compagna

Gianna Sepede
di Mila Cantagallo
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Giugno 2021, 08:07

Si sono svolti ieri mattina, nella chiesa di San Giovanni Battista e San Benedetto Abate, i funerali di Gianna Sepede, psichiatra ricercatrice dell’Università G. D’Annunzio di Chieti, nota nel mondo dello sport per aver militato nelle squadre del Montesilvano e del Centro Storico Montesilvano. L’ex atleta, originaria del Molise e francavillese adottiva, si è spenta all’età di 48 anni lunedì scorso per un malore improvviso, causato da una leucemia mieloide acuta scoperta una decina di giorni prima. Il decesso è avvenuto all’ospedale di Pescara dove la professionista era ricoverata per accertamenti.

L’ex giocatrice non poteva immaginare un destino così beffardo e spietato quando, lo scorso 18 giugno, aveva sposato Simona, la compagna di una vita e festeggiato l’atteso giorno con parenti ed amici più stretti. Gianna Sepede collaborava con il professor Massimo Di Giannantonio, ordinario di psichiatria presso l'Università D’Annunzio che la ricorda così: «La professoressa ha sviluppato una rigorosa e coerente linea di ricerca che metteva insieme le evidenze della clinica , aveva pazienti con patologie di ogni ordine, da disturbi dell’alimentazione alla schizofrenia. La caratteristica principale del suo studio era applicare i modelli delle patologie psichiatriche nella costruzione di modelli interpretativi e conoscitivi attraverso tecniche moderne, in particolare la risonanza magnetica strutturale e funzionale. Con dedizione e professionalità, Gianna ricercava, insieme ai colleghi, le cause della sofferenza mentale».

© RIPRODUZIONE RISERVATA