Infezioni gastrointestinali, almeno 200 casi a San Valentino (Pescara): dopo malori, febbre e dissenteria le analisi Asl

Infezioni gastrointestinali, almeno 200 casi a San Valentino (Pescara): dopo malori, febbre e dissenteria le analisi Asl
2 Minuti di Lettura
Lunedì 11 Ottobre 2021, 20:32 - Ultimo aggiornamento: 20:47

Febbre, vomito e diarrea per un abitante su dieci di un paese dell'Abruzzo. Accade a San Valentino, in Abruzzo Citeriore (Pescara), e nelle zone limitrofe, dove sono in corso le analisi di Asl e Comune sull'acqua potabile per cercare di capire cosa abbia scatenato un vero e proprio boom di casi di infezione gastrointestinale.

Pescara, invitata muore durante il pranzo di nozze: «E' svenuta sotto gli occhi di tutti»

Suicida prima della falsa festa di laurea, due sms alla ex fidanzata prima di uccidersi

Le origini delle infezioni

Sono almeno 200, secondo le stime, le persone che hanno manifestato sintomi, tra cui, appunto, dissenteria e febbre, pari al 10% della popolazione del paese. In mattinata sono stati effettuati prelievi sulle acque sia da parte della Asl di Pescara sia del Comune, che ha incaricato un laboratorio. Si attendono i risultati degli accertamenti per capire se all'origine delle infezioni possa esserci l'acqua potabile.

I malori

La Asl ha inoltre predisposto controlli a campione sulla popolazione, attraverso i medici di famiglia, con l'invio di un kit per la raccolta delle feci. Già da ieri, dopo i primi malori, è stato precauzionalmente elevato il livello di clorazione dell'acqua, mentre il Comune consiglia «per alcuni giorni di farne uso previa bollitura». Attivata, inoltre, la Protezione civile: i volontari sono disponibili per l'assistenza alla popolazione, ad esempio per la consegna di medicinali o acqua in bottiglia. «Di positivo - dice il sindaco - c'è che i sintomi passano rapidamente, nel giro di 24-36 ore, e non abbiamo casi di ospedalizzazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA