Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Brucia stoppie nel camino, donna in gravissime condizioni: ustioni sul 70 per cento del corpo

Brucia stoppie nel camino, donna in gravissime condizioni: ustioni sul 70 per cento del corpo
2 Minuti di Lettura
Sabato 13 Agosto 2022, 08:42

Una donna di 88 anni, M. C. le sue iniziali, è rimasta gravemente ustionata nel tardo pomeriggio di ieri ad Ari, investita da una fiammata, ed è ricoverata in gravissime condizioni al policlinico di Colle dell'Ara. La donna, secondo quanto è stato possibile ricostruire, era dentro casa e stava bruciando nel camino ad alcune stoppie e alcuni fiori secchi che aveva raccolto, e probabilmente dopo aver appiccato il fuoco ha usato alcol per alimentare la fiamma innescando così un ritorno fiamma che ha fatto esplodere il contenitore dell'alcol, che l'anziana teneva in mano, con le fiamme divampate dal contenitore che le hanno bruciato i vestiti e l'hanno avvolta.

La donna, che abita da sola al centro di Ari, è uscita di casa e le sue grida hanno subito richiamato l'attenzione dei vicini che sono intervenuti per soffocare le fiamme che stavano bruciando i vestiti. Per primo sul posto è arrivato l'elicottero del 118 che l'ha soccorsa e trasportata in ospedale dove è entrata in gravi condizioni al Pronto Soccorso. L'anziana ha riportato ustioni di secondo e terzo grado sul 70 per cento del corpo fra tronco, gambe, schiena. Si è valutato, come accade in circostanze del genere, il ricovero in un centro grandi ustionati. Sul posto sono intervenuti i Vigili del Fuoco del comando provinciale di Chieti e i Carabinieri, fra i primi ad accorrere il sindaco di Ari, Marcello Salerno, e uno dei figli della donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA