Coronavirus, la strage nella casa di riposo: allarme a Pescara

Coronavirus, la strage nella casa di riposo: allarme a Pescara
1 Minuto di Lettura
Venerdì 3 Aprile 2020, 10:43

Continua la strage delle case di riposo. Ieri, causa coronavirus, solo nel Pescarese sono decedute 10 persone; nove delle quali erano anziani. Tre di loro: un 84enne, una 89enne e un 92enne era ospiti della casa di riposo Acerbo di Loreto Aprutino, sgomberata di tutta fretta, una settimana fa, dopo che erano stati accertati casi positivi fra gli stessi anziani. 

Nove pazienti erano stati subito trasferiti negli ospedali di Pescara, Atri e L'Aquila, altri nove in isolamento in varie strutture assistenziali del territorio. Lunedì, dopo tre giorni, si era registrato purtroppo il primo decesso; quello di un 85enne di Loreto. Ieri, altri e tre. Quattro morti in neppure una settimana. Quello della casa Acerbo è stato il primo focolaio in una struttura per anziani del Pescarese. Focolaio a cui nel giro di qualche ore si è aggiunto quello dell'istituto Sorelle della Misericordia di Pescara, dove dai tamponi sono risultate positive 23 persone fra suore, anziani ospiti e operatori socio sanitari. L'altro ieri, la notizia di un caso sospetto anche in una residenza assistenziale di Spoltore. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA