6 dicembre 1975 Prima manifestazione nazionale del Movimento Femminista

Mercoledì 3 Dicembre 2014 di Enrico Gregori
Si svolge a Roma la prima manifestazione nazionale del Movimento Femminista. Dal 1970 al 1980 il movimento femminista occidentale comincia a porsi obiettivi rivoluzionari, negli Usa, in Francia, Germania, Italia, ecc.



Il via viene dato, sempre negli Usa, nel 1969 dall’uscita del libro di Kate Millet, Sexual politics, portabandiera della corrente radicale del femminismo, secondo la quale i rapporti tra i sessi sono rapporti di potere e il patriarcato tuttora vigente è un sistema di oppressione contro le donne.



Negli anni anni Settanta il movimento delle donne, almeno nella sua parte maggioritaria, ha centrato le sue pratiche politiche dall’analisi della soggettività, che pure permane ancora oggi in alcuni gruppi, a un ambito sociale lottando per la conquista di più ampi diritti civili che hanno portato in Italia all’introduzione del divorzio nel 1970, alla modifica del diritto di famiglia nel 1975, all’istituzione dei consultori familiari, alla legge sulle pari opportunità, alla liberalizzazione dei contraccettivi e all’approvazione della legge che regola l’aborto nel 1978, alla costituzione dei Centri antiviolenza e alle Case delle donne. Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre, 00:03