Roma, San Basilio, tre leoni nel campo rom: residenti allertati dai ruggiti notturni

Foto di repertorio
di Laura Larcan
3 Minuti di Lettura

Erano giorni e giorni, almeno due settimane buone, che la signora Rachele (il nome è di fantasia) sentiva strani versi di animale. «Erano ruggiti, veri e propri ruggiti. Impossibile a credersi», ha raccontato. Già, sembrerebbe impossibile visto che la signora non vive in un cottage nella Savana, bensì in un quartiere periferico a forte densità abitativa come San Basilio. Eppure quei continui ruggiti avevano lasciato perplesse anche altre persone del quartiere. Fino a che non sono riusciti a identificarne la provenienza. Un’area pubblica, lungo via Casale di San Basilio, all’angolo con Via Filottrano, ridotta ad accampamento di fortuna di qualche rom, con tanto di transenne.

Quegli strani ruggiti arrivavano proprio da questo piazzale. Pochi metri più in là e spiccano i palazzoni. Paura, disagio, preoccupazione, per famiglia, bambini, cari. Da lì la corsa a chiamare la Polizia, per una verifica. Ed è così che è avvenuta la scoperta. Tre leoni sono rimasti “parcheggiati” per almeno quindici giorni (ma forse anche di più) in quest’area. Periferia estrema della Capitale che la street art ha cercato di riqualificare dal degrado negli ultimi mesi.Ma dove possono accadere storie «bizzarre» (per dirla con la Polizia forestale) come questa. Leoni di proprietà di un circo, lasciati dentro un container circense per giorni parcheggiato in un’area pubblica senza le dovute autorizzazioni, e senza controlli. In attesa di essere recuperati e ripartire oltre confine. A denunciare l’affair dei tre felini “ucraini” (così li chiamano ora gli agenti) è stata la Lav, la Lega anti vivisezione onlus, che due giorni fa aveva ricevuto la strana segnalazione della signora Rachele.

​IL SOPRALLUOGO Ieri il caso è scoppiato, in un rincorrersi di segnalazioni, istanze, sopralluoghi e diffide. È stato il vice presidente della Lav Roberto Bennati ad inviare subito un’istanza al Corpo Forestale chiedendo un’ispezione d’urgenza per verificare la provenienza e la proprietà dei tre leoni, le condizioni di salute, lo stato di detenzione, le previste autorizzazioni prefettizie, nonché i certificati sanitari. E soprattutto chiarire perché mai ci fossero tre leoni in un piazzale pubblico. «Per legge i grandi felini rientrano tra gli animali che possono costituire pericolo per la salute e l’incolumità pubblica», precisa la Lav.

«La detenzione di animali pericolosi come i leoni è consentita ai circhi solo se dichiarati idonei dalle competenti autorità in materia di salute e incolumità pubblica». Sul posto, lo staff del servizio Cites della Polizia forestale (Convenzione internazionale per il commercio di specie di flora e fauna in via di estinzione) si è trovato di fronte ad una «bizzarra situazione».

«I tre leoni erano detenuti dentro un carrozzone da circo - raccontano dalla Forestale - Stavano da soli, ma facevano parte di un circo dell’Est Europa, che da Roma doveva ritornare in Ucraina. E nell’attesa di avere dei documenti, li avevano lasciati in questo parcheggio. Presenza che aveva destato preoccupazione tra i residenti. Se i leoni fossero rimasti fermi in quella condizione ancora a lungo avrebbero avuto seri problemi di salute».

I circensi, insomma, erano in regola solo con i documenti di proprietà dei leoni, ma non erano autorizzati a lasciarli nel campo e chiusi in gabbia per tutti quei giorni. Per loro è scattata la sanzione e la diffida a spostare gli animali per custodirli in un luogo più idoneo.

Giovedì 13 Agosto 2015, 09:02 - Ultimo aggiornamento: 16 Agosto, 18:52
© RIPRODUZIONE RISERVATA