Contratti di solidarietà e “ferie solidali”, ripreso l'esame del jobs act. Ma art.18 slitta a prossima settimana

Giovedì 11 Settembre 2014
3

Contratti di solidarietŗ piý semplici e piý "ampi": vengono rivisti per potenziarli anche nel loro utilizzo "espansivo", cioŤ con la riduzione dell'orario di lavoro e della retribuzione del personale ed il contestuale aumento di organico.

Cos√¨ l'emendamento del governo al Jobs act approvato in commissione Lavoro del Senato. Obiettivo, viene sottolineato, anche ¬ęincrementare l'occupazione¬Ľ.

Non solo, perch√© arrivano "le ferie solidali": il collega potr√† cedere i giorni di riposo in pi√Ļ (eccedenti quelle previste dal contratto nazionale) al collega - mamma o pap√† - che ha un figlio minore che ¬ęnecessita di presenza fisica e cure costanti per le particolari condizioni di salute¬Ľ. L'emendamento di Emanuela Munerato (Lega), √® stato approvato in commissione Lavoro Senato.

√ą ripreso cos√¨ l'esame del disegno di legge delega sul lavoro, il Jobs act, in commissione Lavoro del Senato con l'approvazione di alcuni emendamenti accantonati ma la discussione dell'articolo 4 sul riordino delle forme contrattuali (che riguarda il contratto a tutele crescenti e quindi l'articolo 18) sar√† affrontata la prossima settimana, a partire dalla seduta di marted√¨, in attesa del confronto in maggioranza (e con il governo).

¬ęResta da affrontare solo l'articolo 4, l'esame sar√† fatto la prossima settimana in commissione¬Ľ a Palazzo Madama, ha affermato il sottosegretario al Lavoro, Teresa Bellanova, al termine della seduta odierna. ¬ęNoi siamo all'impianto della delega. Il lavoro che stiamo facendo come governo e come maggioranza e che intendiamo condividere per arrivare ad una posizione solida nella maggioranza per la prossima settimana¬Ľ.

Rispetto all'incontro tra maggioranza e governo, il sottosegretario ha confermato che ¬ęsicuramente¬Ľ ci sar√†, ¬ęnon √® stato fissato¬Ľ, ma ci sar√† ¬ęprima¬Ľ della nuova seduta della commissione, in programma marted√¨ 16. Alla domanda se sar√† presentato un emendamento del governo, Bellanova ha risposto: ¬ęLo vedremo, per adesso lavoriamo per costruire una sintesi avanzata¬Ľ.

Alla domanda, invece, se saranno due o tre gli anni per il contratto a tutele crescenti, si √® limitata a rispondere ¬ęlavoriamo¬Ľ. ¬ę√ą stato fatto un buon lavoro. Sono soddisfatto, gli emendamenti sono stati approvati con un consenso anche, per la gran parte di essi, unanime¬Ľ, ha affermato il presidente della commissione Lavoro del Senato, Maurizio Sacconi (Ncd), confermando anch'egli che il nodo dell'articolo 4 della delega (con l'esame dei relativi emendamenti), e quindi dell'articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, √® rimandato alla prossima settimana.

¬ęSono in corso i lavori della maggioranza. Arriviamo sicuramente ad un'intesa¬Ľ, ha sottolineato il senatore Pietro Ichino (Sc), secondo cui la conclusione del lavoro della Commissione √® prevista entro mercoled√¨ 17. L'inizio dell'esame del disegno di legge in Aula √® fissato per il 23 ¬ęo (pi√Ļ probabilmente) il 24 settembre, con la prospettiva del voto finale in prima lettura entro la fine del mese, o i primi di ottobre¬Ľ. ¬ęCi stiamo avviando speditamente verso l'approvazione della delega¬Ľ, ha affermato la senatrice Annamaria Parente (Pd).

Ultimo aggiornamento: 17:01 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani