Nigeria, attacco dei terroristi islamici Boko Haram
la Bbc: ancora una strage con oltre 2.000 morti

Nigeria, attacco dei terroristi islamici Boko Haram la Bbc: ancora una strage con oltre 2.000 morti
2 Minuti di Lettura

I miliziani integralisti di Boko Haram hanno lanciato un secondo attacco, ieri, contro la città di Baqa, nel nordest della Nigeria, già devastata domenica. «I cadaveri giacciono sulle strade, si temono 2.000 persone uccise» nei raid, scrive la Bbc citando un ufficiale militare.

La città «è stata completamente devastata, le case date alle fiamme».

Nei giorni scorsi, il deputato Maina Maaji Lawan aveva affermato che dopo l'offensiva di domenica, nella quale Boko Haram ha preso il controllo anche di una base militare, il gruppo controlla il 70% del territorio dello Stato di Borno, considerato una roccaforte dei jihadisti. La città di Baga, che aveva una popolazione di 10.000 persone, di fatto «non esiste più».

Quelli che sono riusciti a fuggire «non sono stati in grado di seppellire i morti, i loro cadaveri ora giacciono nelle strade». Molti sono fuggiti, già da domenica, attraversando il lago Ciad. Boko Haram ha conquistato anche «16 villaggi vicini». Villaggi che ora risultano distrutti.

Il presidente del Camerun, Paul Biya, poche ore prima aveva rivolto oggi un appello alla comunità internazionale per fermare gli estremisti islamici di Boko Haram, dopo che il gruppo jihadista ha minacciato un'escalation di attacchi nel paese africano. «Dal Mali, alla Somalia, fino alla Repubblica Centrafricana, questi terroristi hanno la stessa agenda - ha detto Biya - di fronte ad una minaccia globale serve una risposta globale».

Il suo appello giunge dopo che ancora non si è costituita la forza multinazionale annunciata in maggio durante un summit anti Boko Haram a Parigi. Biya è intervenuto dopo un video, diffuso ieri su YouTube, in cui il leader di Boko Haram, Abubakar Shekau, dichiara che il Camerun verrà preso di mira con maggior forza se l'esercito di Yaoundé continuerà a combattere gli jihadisti. «Oh Paul Biya, se non fermerai questo complotto maligno, assaggerai quanto è accaduto in Nigeria... I tuoi soldati non possono nulla contro di noi», ha dichiarato Shekau in arabo. Biya ha mobilitato l'esercito contro Boko Haram in maggio, dopo che il gruppo terrorista è sconfinato più volte in Camerun dalla vicina Nigeria. Migliaia di soldati e uomini delle forze speciali sono stati dispiegati nella Regione dell'Estremo Nord, uccidendo dozzine di jihadisti.

Giovedì 8 Gennaio 2015, 18:31 - Ultimo aggiornamento: 9 Gennaio, 19:06
© RIPRODUZIONE RISERVATA