SARDINE

«Maria De Filippi sta con le Sardine». Arrivano le scuse di Nicola Porro

Mercoledì 4 Marzo 2020
1

LOLNEWS.IT - Maria De Filippi non possiede un profilo Instagram ufficiale e soprattutto difficilmente si espone a difendere le proprie scelte, ma l’attacco di Nicola Porro nei confronti delle Sardine meritava evidentemente una replica social ad hoc. Il giornalista ha commentato sul suo blog l’ospitata del movimento apolitico di Mattia Santori in apertura della prima puntata del serale di Amici 19 definendo il talent giunto alla soglia dei suoi 20 anni come un “programma per narcisetti più speranzosi che talentati” e bollando la collocazione delle Sardine come naturale in una tale trasmissione. Riprendendo il commento di Porro in cui ribadisce che come i ragazzi di Amici anche le Sardine cercano notorietà per qualche stagione, la padrona di casa ha puntualizzato: “L’intervento delle Sardine è stato contro l’odio. Io non solo condivido quello che hanno detto, ma sono orgogliosa di averli invitati". E conclude: "Gli consiglio di informarsi meglio".

Dopo qualche ora è arrivata la risposta di Nicola Porro che ha commentato così sul profilo Instagram di Amici: «Cara Maria non condivido minimamente ciò che ha scritto un mio collaboratore riguardo al tuo programma sul mio sito. E penso che scrivere che amici sia un programma di narcisetti più speranzosi che talentati sia una gigantesca stupidaggine. Irrispettoso soprattutto dei tanti ragazzi che sono passati e passerano da Amici. Resto della mia idea sulla vacuità delle sardine, ma questo è un altro discorso. E visto il mio temperamento piuttosto fumantino avrei reagito con molto meno signorilità di quanto hai fatto tu ad affermazioni così gratuite».

Foto@RedCommunications/Kikapress
Leggi anche: >> MARIA DE FILIPPI E QUELLA CICATRICE IN FRONTE: “MIO FRATELLO MI SPARÒ”, IL RACCONTO DA BRIVIDI

Ultimo aggiornamento: 12:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani