Live F1, GP Russia: Hamilton-Bottas, doppietta Mercedes. Leclerc è terzo

Domenica 29 Settembre 2019 di Massimo Costa
Live F1, GP Sochi in diretta: Leclerc in pole vuole la rivincita dopo Singapore

Clamorosa doppietta della Mercedes a Sochi. Quando sembrava che la Ferrari potesse mettere a segno una doppietta, ecco che gli imprevisti classici delle gare hanno ribaltato la situazione. Il ritiro di Sebastian Vettel subito dopo il pit-stop, per rottura della power unit, ha rimescolato le carte. Il tedesco ha dovuto parcheggiare la SF90 ammutolita a bordo pista costringendo la direzione gara a "chiamare" la virtual safety car. Hamilton e Bottas, partiti con gomme medie come (le due Ferrari avevano le soft), ne hanno approfittato per rientrare ai box montando pneumatici soft. Il cinque volte campione del mondo si è trovato davanti a Leclerc che a sua volta si è fermato per un secondo pit-stop per mettere le soft (in precedenza aveva fatto il pit per montare le medie), ma è scivolato dietro a Bottas. Da quel momento, la Mercedes ha dominato. Leclerc non è stato in grado di attaccare il finlandese, molto bravo a gestire la situazione mentre davanti Hamilton giro dopo giro allungava guadagnando decimi su decimi. Una vera beffa per la Ferrari che aveva costruito molto bene la prima fase della corsa. Vettel, per passare Hamilton, ha sfruttato la scia di Leclerc (come deciso prima del via) e di slancio ha passato anche il monegasco. Leclerc, come da accordi, voleva che Vettel gli desse subito la posizione, ma il tedesco ha spinto fortissimo mettendo subito metri importanti tra sè e il compagno di squadra. Vettel non poteva certo rallentare in quel momento, Hamilton era molto vicino a Leclerc, il quale non aveva il passo di Sebastian. Il monegasco si è lamentato a lungo col muretto box Ferrari, ma intanto continuava a perdere terreno da Vettel. Solo con l'undercut del pit-stop, Leclerc è stato in grado di finire davanti al compagno. Chei poi, dopo la sosta, si è dovuto ritirare. Riassumendo, Vettel era nettamente più veloce di Leclerc che, come dimostrato nel non essere riuscito a superare Bottas, non ha convinto più di tanto. Quarto posto regolare per Max Verstappen con la Red Bull-Honda che ha preceduto il compagno di squadra Alexander Albon, bravo nel rimontare dopo essere partito dai box. Come sempre convincente, Carlos Sainz, sesto con la McLaren-Renault, poi Sergio Perez al volante della Racing Point-Mercedes. Gara da dimenticare per Toro Rosso e Alfa Romeo.

Vince Hamilton davanti a Bottas Leclerc Verstappen Albon Sainz Perez Magnussen Norris Hulkenberg Stroll Kvyat Raikkonen Gasly Giovinazzi

Ultimo giro - Hamilton viaggia con grande sicurezza, Bottas a 4"6

51° giro - Hamilton + 5" su Bottas. Intanto l'inglese segna il giro più veloce 

50° giro - Hamilton pare avviato alla vittoria, Leclerc ha ormai perso il contatto con Bottas

49° giro - Albon strappa la quinta posizione a Sainz

48° giro - Hamilton implacabile, Bottas perfetto nella difesa su Leclerc

46° giro - Leclerc non riesce ad attaccare Bottas, penalità di 5" a Magnussen per taglio di pista

Perez attacca Magnussen che arriva lungo alla prima curva. Il messicano sale settimo

43° giro - 10 giri al termine con Hamilton che va a +4" su Bottas mentre Leclerc terzo sta cercando in tutte le maniere di prendere la scia del finlandese. Quarto sempre Verstappen poi Sainz Albon Magnussen Perez Norris Hulkenberg Stroll Kvyat Raikkonen Gasly Giovinazzi

38° giro - Hamilton porta a 3"1 il vantaggio su Bottas mentre Leclerc non riesce a prendere il finlandese

38° giro - Ancora un rischio tra Gasly e Kvyat mentre Hulkenberg ha passato Stroll per il decimo posto

35° giro - Rischio tra le due Toro Rosso di Gasly e Kvyat, in lotta tra di loro

34° giro - Hamilton + 1"3 su Bottas che ha 7 decimi di vantaggio su Leclerc

33° giro - La gara riparte con Hamilton che tiene bene il comando e Bottas contiene Leclerc

31° giro - In regime di SC Hamilton Bottas Leclerc Verstappen Sainz Magnussen Norris Perez Stroll Albon Hulkenberg Gasly Kvyat Giovinazzi Raikkonen

Con la safety-car, Leclerc fa un secondo pit-stop per montare le gomme soft per gli ultimi 22 giri

La virtual safety car ha favorito Hamilton, che ne ha approfittato per fare il pit-stop e ritrovarsi davanti a Leclerc. Tutto è cambiato. Pit-stop per Albon e Hulkenberg (entrambi montano le soft), si ritira Kubica

Riparte la gara, ma Russell esce di pista, forse per problemi ai freni. Ora entra la safety-car

Al pit-stop anche Verstappen che monta le gomme medie

La Ferrari di Vettel è in posizione pericolosa, virtual safety car. Hamilton ne approfitta e vai ai box per il cambio gomme, monta le soft. Anche Bottas ai box e riparte con la stessa mescola del compagno di squadra

28° giro - Colpo di scena, Vettel si deve ritirare per problemi al motore

27° giro - Pit-stop per Vettel che va con le medie e rientra davanti a Vettel. Tutto come previsto.

26° giro - Ritiro di Ricciardo la cui Renault dopo l'incidente iniziale con Giovinazzi non era perfetta

25° giro - Vettel + 5"8 su Hamilton il quale ha 12" di vantaggio su Bottas. Leclerc è quarto a 26" da Vettel. L'undercut porterà Leclerc davanti a Vettel?

Dopo un lungo duello, Albon (con problemi ai freni) riesce ad avere ragione di Gasly e sale ottavo

24° giro - Pit-stop per Perez che come gli altri piloti va con le medie

23° giro - Pit-stop per Leclerc che ha montato le medie

22° giro - Il divario tra Vettel e Leclerc è salito a 4"

21° giro - Pit anche per l'altra McLaren di Sainz che riprende con gomme medie

20° giro - Pit per Norris che riparte con gomme medie

20° giro - Vettel Leclerc Hamilton Bottas Verstappen Sainz Norris Perez Magnussen Stroll Gasly Albon Kvyat Russell Ricciardo Giovinazzi Hulkenberg Raikkonen Kubica

Verstappen riesce a passare la McLaren di Sainz e si porta in quinta posizione, ma a 19" da Bottas, quarto

17° giro - Il vantaggio di Vettel su Leclerc sale a 3"9 mentre Hulkenberg va ai box e monta gomme medie dopo un pit-stop difficoltoso

14° giro - Bel sorpasso di Hulkenberg ai danni di Perez per l'ottavo posto

Hamilton segna il giro più veloce ed è a 3" da Leclerc

13° giro - Vettel + 3"2 Leclerc poi Hamilton Bottas Sainz Verstappen che ha superato di forza Norris. Ottavo Perez, poi Hulkenberg Magnussen Stroll Gasly Kvyat Albon Russell Ricciardo Giovinazzi Kubica Raikkonen

Leclerc dice di aver dato la scia a Vettel per aiutarlo a passare Hamilton e quindi vorrebbe vedere che Vettel gli ridia la posizione

Per il momento Ferrari congela gli ordini di squadra, troppo alto il divario tra Vettel e Leclerc, troppo vicino Hamilton per far rallentare i piloti

9° giro - Vettel continua ad allungare su Leclerc e si porta a +1"6 mentre Hamilton è terzo a 2"8, Bottas a 6"9. Drive through per Raikkonen per partenza anticipata, anche se poi si è fermato venendo superato da tutti

8° giro - Verstappen attacca e supera Perez per la settima posizione

7° giro - Dialogo via radio dei piloti Ferrari con il box, Vettel vuole tenere la prima posizione, Leclerc chiede di passare anche se il tedesco la prima posizione se l'è guadagnata meritatamente. Bottas supera Sainz.

5° giro - Vettel scatenato segna il giro più veloce ed ha 1"0 su Leclerc e 2"8 su Hamilton. Giovinazzi e Kubica hanno montato gomme dure

4° giro - La gara riprende con Vettel che tiene un buon margine su Leclerc mentre Giovinazzi va ai box. Magnussen sale nono superando Hulkenberg.

L'incidente è stato innescato da Giovinazzi che si è trovato stretto a sandwich tra Grosjean e Ricciardo, ed ha centrato entrambi

In regime di safety-car Vettel comanda su Leclerc Hamilton Sainz Bottas Norris Perez Verstappen Hulkenberg Magnussen Stroll Giovinazzi

Grande partenza di Vettel che supera Leclerc alla prima staccata, poi Hamilton e Sainz. Contatto tra Ricciardo e Grosjean, subito entra la safety-car

Si sta per concludere il giro di ricognizione

Albon scatterà dalla pit-lane, Kvyat parte con le gomme dure. Con le medie invece, Stroll, Raikkonen, Gasly, Russell, Kubica e Albon

Mentre Leclerc e Vettel partiranno con le gomme soft, le Mercedes di Hamilton e Bottas scatteranno con le Pirelli medie

Ricordiamo che i piloti motorizzati Honda Verstappen e Gasly hanno subìto cinque posizioni di penalità per la sostituzione del motore. Kvyat partirà ultimo per aver sostituito altre parti della power unit mentre Albon è uscito di pista nel Q1 risultando penultimo.

È un Charles Leclerc irrefrenabile quello che stiamo vedendo in questi ultimi due mesi. La sesta pole stagionale conquistata a Sochi, la quarta consecutiva come soltanto Michael Schumacher era riuscito a fare al volante della Ferrari, hanno decisamente consacrato il talento del giovane monegasco. Leclerc, come già a Monza e Singapore, divide la prima fila con Lewis Hamilton. Il cinque volte campione del mondo non si rassegna ed è stato bravissimo a strappare ancora una volta a Sebastian Vettel la seconda posizione, impedendo alla Ferrari di monopolizzare la prima fila. La SF90, grazie alle modifiche aerodinamiche e a un motore potentissimo, tanto che Hamilton ha paragonato la Rossa a un Jet, può giocarsela su qualsiasi tipologia di circuito, come dimostrato a Singapore e Sochi, non solo sui tracciati veloci come Spa e Monza. Leclerc dopo le polemiche, comunque presto sopite, seguite al GP di Singapore per la strategia che ha favorito Vettel, vuole la vittoria a tutti i costi. Determinante, oltre al lavoro degli strateghi ai box, sarà la staccata alla prima variante successiva alla partenza, che arriva dopo un lungo rettifilo. Attenzione anche a Valtteri Bottas, in seconda fila, mentre Max Verstappen, quarto in qualifica con la Red Bull-Honda, scatterà nono per la penalità di cinque posizioni subìta per il cambio del motore.

Ultimo aggiornamento: 20:46 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma