Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trastevere, Betturri chiama Totti: «Torna a giocare dove haI iniziato a sognare»

Trastevere, Betturri chiama Totti: «Torna a giocare dove haI iniziato a sognare»
di Ugo Baldi
2 Minuti di Lettura
Martedì 23 Febbraio 2016, 21:33 - Ultimo aggiornamento: 21:44
«Caro Capitano, qui potrai trovare, se lo vorrai, una porta spalancata per realizzare, insieme a noi, quel meraviglioso progetto che stiamo approntando e che ti vedrebbe protagonista, nella squadra che ti ha visto nascere calcisticamente, a conferma del tuo indissolubile legame con la nostra città».

Questo appassionato appello a Francesco Totti non arriva, come qualcuno potrebbe pensare, dalla Roma ma dal club in cui il numero 10 giallorosso mosse, da bambino, i suoi primi passi da calciatore. È l'allora Smit Trastevere che adesso si chiama semplicemente con il nome del rione e milita nel campionato di serie D, con progetti ambiziosi. Così il presidente del Trastevere calcio Pier Luigi Betturri si rivolge al capitano sognando un comune futuro trasteverino, «quando, un brutto giorno, con sofferenza, dovrai dismettere la maglia di calciatore», se nella Roma per la sua leggenda non dovesse esserci più spazio.

«Permettimi di porgerti un appassionato consiglio - commenta Betturri in una lettera aperta indirizzata a Totti -, qualora ce ne fosse bisogno: non lasciarti incantare dalle sirene che ti vorrebbero trascinare lontano da Roma e non abbandonare mai questa città che ti ha sempre amato, ammirato e sostenuto». Sognando il ritorno di Totti a Trastevere i dirigenti di questo club fondato nel 1909 non nascondono il progetto di diventare «un altro Chievo» e quindi raggiungere traguardi molto ambiziosi.

«Ma in questo caso si porrebbe il problema del campo - dice il presidente -, perchè a Roma il Flaminio è un problema irrisolvibile e altri impianti ad oggi non ce ne sono. Potremmo essere costretti a traslocare a Rieti». Ma Trastevere (squadra che gioca con una scritta anti-violenza e razzismo sulla maglia) è sinonimo di Roma e qualcuno, nel caso, forse dovrebbe impedire questo scempio.
© RIPRODUZIONE RISERVATA